Blog Scire
Letteratura medica per la pratica clinica
Danilo di Diodoro – Informazione scientifica applicata – Azienda Usl di Bologna
 
Home Page : Tutti i post (Inverti l'ordine)
Di seguito tutti i post pubblicati sul blog, in ordine cronologico.
 
 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 21/05/2010 alle 09:29:12, in Post)

Venerdì 21 maggio 2010

Il quattro per cento della spesa sanitaria complessiva se ne va in fumo per malattie che non sono vere e proprie malattie. Si tratta di quei “disturbi”, come l’insonnia, la fobia sociale, la calvizie, l’infertilità, la menopausa, che hanno progressivamente fatto il loro ingresso nel campo delle “malattie” a causa del continuo processo di medicalizzazione al quale ormai da diversi decenni stanno andando incontro le società occidentali contemporanee. I conti precisi del costo sociale di questi disturbi sono stati fatti per la prima volta da alcuni ricercatori americani (sulla spesa statunitense del 2005) guidati da Peter Conrad del Department of Sociology della Brandes University di Waltham, nel Massachussetts, in una ricerca pubblicata sulla rivista Social Science & Medicine.

La medicalizzazione è quel processo attraverso il quale problemi in origine non sanitari diventano, per una serie di motivi, problemi sanitari. Conrad e i suoi collaboratori fanno notare che, di per sé, il fenomeno non dovrebbe essere considerato né positivo né negativo, dato che è semplicemente un fatto, oltretutto apparentemente non arrestabile, come la globalizzazione o la secolarizzazione delle società avanzate. Dall’idea della medicalizzazione si può passare però facilmente a quella della sovramedicalizzazione, termine nel quale è invece compreso un giudizio negativo, implicando infatti che il processo di medicalizzazione sia da considerarsi inappropriato e foriero di danni, per l’individuo o per la società. Naturalmente, tutti sanno, e gli autori della ricerca non fanno a meno di ricordarlo, che la medicalizzazione o la sovramedicalizzazione, sono anche la conseguenza di una specifica strategia di marketing dell’industria, che “genera” e “diffonde” nuove malattie man mano che scopre molecole che potrebbero profilarsi come loro possibili rimedi. Un procedimento che è stato chiamato disease mongering che si potrebbe tradurre come “fabbricare malattie”. Per approfondire il concetto con documenti in italiano, puoi visitare il sito di Partecipasalute ed effettuare una ricerca con questo termine.

Un’altra caratteristica interessante della medicalizzazione è che si tratta di un processo, per così dire, tendenzialmente elastico. Una diagnosi come quella del Post-traumatic-stress-disorder (PTSD), “inventata” negli anni Settanta per denominare i disturbi psichici che affliggevano i reduci dagli orrori della guerra del Vietnam, si è progressivamente espansa fino a includere i disturbi presentati da tutti i sopravvissuti a qualunque tipo di trauma, sociale o personale, o perfino dai semplici testimoni degli eventi traumatici. Parallelamente, si è allargato in maniera altrettanto elastica il bagaglio dei possibili rimedi farmacologici. Curiosamente, o forse prevedibilmente, non si è assistito a un parallelo processo di demedicalizzazione di altre condizioni. Pare che l’unica demedicalizzazione alla quale si è assistito in questi anni, e in realtà non ancora del tutto completata, sia stata quella riguardante l’omosessualità, principalmente sotto la spinta proveniente dalle associazioni gay.

E’ bene ricordare che oltre che sulla creazione di nuove malattie, il processo di progressiva medicalizzazione è basato anche sulla continua variazione, al ribasso, delle soglie che separano la normalità dalla malattia. E’ un procedimento al quale in questi anni abbiamo assistito, ad esempio, per i livelli di pressione arteriosa, di glicemia e di colesterolo, sempre, ovviamente, con le relative ricadute sul mercato dei farmaci. E poi c’è la diagnosi sempre più precoce, anche attraverso i programmi di screening, sui quali oggi larga parte della comunità scientifica sta tornando a interrogarsi seriamente, chiedendosi se, soprattutto a causa del fenomeno della sovradiagnosi, generino più salute o più malattia.

La ricerca di Conrad e dei suoi collaboratori sottolinea anche come la spesa totale americana del 2005 per queste malattie/non malattie sia stata superiore a quella per i tumori o per le malattie cardiovascolari, il che fa pensare non poco. Non credo che esistano corrispondenti dati italiani, anche perché quello di Conrad sembra essere veramente il primo studio che fa i conti per questo tipo di costi sanitari, nonostante che il problema della medicalizzazione o della sovramedicalizzazione sia da alcuni anni all’attenzione del mondo sanitario e sia stato ripreso molte volte anche dalle più importanti riviste mediche internazionali. Sarebbe interessante riuscire avere un’idea di quale possa essere l’incidenza della spesa di questi disturbi a carico del Servizio Sanitario Nazionale italiano. Forse la voce più significativa da questo punto di vista è quella riguardante il parto fisiologico, anch’esso catalogato da Conrad tra le condizioni che sono andate progressivamente medicalizzandosi e che rappresenta anche la voce a maggior costo. D’altra parte: in una società come la nostra a così elevate aspettative di garanzia sanitaria, chi potrebbe ormai più considerare il parto un evento non medico? O l’alcolismo solo una cattiva abitudine piuttosto che una malattia? O l’obesità e la disfunzione erettile condizioni poco fortunate che possono entrare a far parte della normale esperienza umana? Ma la domanda fondamentale è probabilmente un’altra: una volta medicalizzate e conseguentemente trattate, tali condizioni generano più salute e meno infelicità di quelle che generavano quando non erano considerate malattie?

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 11/05/2010 alle 08:57:56, in Post)

Martedì 11 maggio 2010

C’è la possibilità di dare un’occhiata a come sarà la medicina di famiglia del futuro, quando i pazienti saranno collegati tramite Internet agli ambulatori dei loro medici, e potranno, ad esempio, il giorno stesso della visita, registrarsi on line sull’agenda del medico, dando nel frattempo anche un’occhiata alla propria cartella clinica (sempre on line), per controllare i risultati delle ultime analisi cliniche che avevano fatto. Quando arriveranno poi in sala d’aspetto, invece di sfogliare le solite riviste di pettegolezzi, potranno accedere a una sorta di chiosco educativo telematico nel quale, facendo il login con la propria password, troveranno informazioni aggiornate sulle patologie di cui soffrono e sui farmaci che stanno assumendo.

Questo quadretto abbastanza futurista è offerto dalla rivista Canadian Family Physician che, nel numero di aprile, riporta i risultati di una previsione  realizzata da 15 dei 17 Dipartimenti o Programmi universitari di Medicina di famiglia, accompagnandoli con un editoriale scritto da Cathy MacLean, Presidente del College of Family Physicians canadese. Ma i cambiamenti previsti non riguardano solo gli aspetti tecnologici del rapporto tra il medico di famiglia e i suoi pazienti. Infatti, in questo rapporto si inserirà in maniera sempre più evidente la figura dell’infermiere che sbrigherà buona parte delle incombenze correnti della visita, e magari anche quella del farmacista, che coglierà l’occasione della visita per revisionare i trattamenti assunti dal paziente, valutando ad esempio il livello di aderenza a quanto prescritto e anche gli eventuali motivi di mancata aderenza. Naturalmente, tutto questo avverrà non nell’ambulatorio di un singolo medico, ma in un ambulatorio nel quale lavoreranno in maniera associata più medici di famiglia, che verranno a configurare un vero e proprio servizio sanitario basilare. Poi si arriva finalmente alla visita vera e propria, che a questo punto può concentrarsi meglio su eventuali aspetti clinici emergenti e importanti.

Può anche darsi che il paziente sia stato intanto inserito in specifici progetti di ricerca che diventeranno sempre più frequenti nella medicina di famiglia, e magari in ambulatorio, durante la vista, saranno presenti altri medici in formazione. E quando arriva il momento di un’eventuale visita specialistica, il più delle volte sarà lo specialista stesso che lascerà altre strutture del Servizio Sanitario Nazionale e si recherà nell’ambulatorio, dove visiterà i pazienti di tutti i medici di quel nucleo che ne avranno bisogno. Il medico di famiglia manterrà una visione ampia e costantemente aggiornata dei problemi di salute dei suoi pazienti e alla fine sarà sempre il professionista che, assieme al paziente, effettuerà le scelte finali, prenderà le decisioni più difficili. E una volta a casa, se il paziente avrà ancora dei dubbi o dei ripensamenti, potrà inviare una mail al suo medico per riprendere la discussione, senza doverlo necessariamente cercare al telefono.

Difficile dire se si tratti di un’utopia o di una realtà che sta dietro l’angolo. Certamente alcuni di questi obiettivi si stanno già raggiungendo, altri sono un po’ più distanti. Sono convinto che sarebbe di sicuro positivo il miglioramento di accessibilità che ne deriverebbe per i paziente, e forse in tal modo la medicina di famiglia potrebbe meglio esprimere le sue grandi potenzialità di servizio fondamentale della sanità contemporanea, e anche recuperare terreno perso qui e là. Cathy MacLean sottolinea però che per andare verso questo traguardo sarà necessario iniziare fin d’ora a formare i nuovi medici, che dovranno essere in grado di utilizzare senza sforzo le tecnologie informatiche, sia per restare in contatto con i loro pazienti e per gestire cartelle cliniche on line, sia per andare a cercare le informazioni più aggiornate provenienti dalla ricerca, sapendo anche quali poter poi utilizzare nella pratica clinica. Ma dovranno anche aver sviluppato nuove abilità relazionali da mettere ad esempio al servizio delle persone socialmente svantaggiate che nella medicina di famiglia cercheranno sempre più forme complesse di aiuto e sostegno. Nello stesso tempo, chi ha responsabilità organizzative nella sanità dovrà predisporre il terreno per queste importanti trasformazioni, puntando alla valorizzazione del ruolo del medico di famiglia.

Sempre che sia questa anche la visione della medicina di famiglia di domani che abbiamo in Italia. E poi, c’è il rischio che si tratti di una trasformazione che mette a repentaglio la figura del "buon vecchio medico di famiglia”? Potrebbe rafforzare, o indurre a tradire, quelli che sono stati definiti i quattro principi fondamentali della medicina di famiglia  e che descrivono molto bene la complessità, pressoché inarrivabile di questa disciplina? Una complessità, bisogna ammettere, forse troppo spesso dimenticata.

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 22/04/2010 alle 07:43:54, in Post)

Giovedì 22 aprile 2010

Molti esperti di Evidence Based Medicine (EBM) non riescono proprio a capacitarsi come mai gli operatori sanitari, medici in testa, o gli stessi pazienti, possano talora risultare tanto impermeabili alle prove inconfutabili che vengono dalla ricerca. Ad esempio, è dimostrato che una radiografia o una Tomografia Computerizzata (TC) del rachide non migliorano il processo diagnostico-terapeutico del mal di schiena, e anzi alle volte lo peggiorano, diventando l’anticamera di interventi chirurgici inutili e spesso dannosi. Eppure, messo a conoscenza di questo dato ormai assodato, il medico continuerà a prescriverle e il paziente a richiederle, nella convinzione, incrollabile, che fare una lastra o una TC sia comunque meglio che non farla. Insomma, quando si arriva al punto, all’atto pratico, le convinzioni di medici e pazienti, e anche il buon senso, sembrano contare ben più delle prove o evidenze.

Ne parla Christie Aschwanden in un articolo pubblicato sul numero corrente di Miller McCune, una rivista di giornalismo orientata verso temi di interesse accademico. Di norma, il Blog Scire non prende a riferimento articoli giornalistici, ma in questo caso va sottolineato che l’autrice è anche un componente della mailing list internazionale di Evidence Based Medicine, e che per la stesura del suo articolo ha consultato diversi esperti internazionali di EBM, che alla fine, Paul Glasziou in testa, si sono complimentati per il suo lavoro.

Dunque, si diceva di quanto le convinzioni siano spesso incrollabili e non scalfibili, neanche dalla migliore evidenza. Un altro esempio portato dalla Aschwanden è quello dell’abuso di ibuprofene da parte dei maratoneti, studiato da David Nieman della Appalachian State University. Molti maratoneti sono convinti che l’ibuprofene, in virtù delle sue proprietà antinfiammatorie, possa aiutarli a ridurre l’infiammazione che si genera nell’apparato muscoloscheletrico durante lo sforzo della corsa prolungata. Così Nieman a un certo punto ha deciso di studiare l’utilizzo di questo farmaco nei maratoneti, rilevando che il suo impiego durante la corsa risultava associato a un un livello di infiammazione e dolore maggiori. Quando però è andato a presentare i suoi risultati a un gruppo di maratoneti che stavano per iniziare una corsa, ha dovuto prendere atto con sorpresa che essi non riuscivano minimamente a scalfire le loro convinzioni. Insomma, Nieman non è stato capace di cambiare quella che tutto sommato era una ragionevole (e confortante) idea dei maratoneti, ossia che l’ibuprofene, essendo un antinfiammatorio, debba per forza essere utile a chi è impegnato in una maratona, anche se i dati di uno studio sul campo dicono il contrario. Questo fenomeno è conosciuto dagli psicologi sociali, che lo chiamano “la presunzione della verità che vince”, il fatto che quando qualcuno afferma correttamente la verità, si aspetta che questa debba essere unanimemente riconosciuta. Cosa che invece, nella vita reale, assolutamente non avviene.

Infatti, nella vita reale, quello che fa presa sulle persone è ciò di cui esse sono già convinte e che vogliono sentirsi confermare, qualcosa che sia quindi non necessariamente vero, ma soprattutto confortante. Al contrario, è molto difficile che prove e fatti anche molto chiari possano modificare una mentalità radicata, ossia quello che le persone sentono profondamente dentro di loro. Se poi a quella convinzione sono associati anche specifici interessi o vantaggi personali, allora diventa ancora più difficile rovesciarla. Paradossalmente, soprattutto in Medicina, non sono dati e prove ad avere potere di convincimento, ma aneddoti e storie che possano facilmente tornare in mente, e che arrivino in qualche modo a fare breccia in ciò a cui le persone credono. Bisogna passare, si potrebbe dire con un’espressione forse un po' altisonante, non attraverso la mente, ma attraverso il cuore.

L’articolo della Aschwanden a un certo punto tira dentro anche le recenti indicazioni dell’US Preventive Services Task Force sulla mammografia, redatte secondo stretti criteri Evidence Based. Si tratta di un tema caldissimo per le sue implicazioni anche emotive. Queste indicazioni hanno rimesso in discussione l’opportunità che le donne tra i 40 e 49 anni si sottopongano annualmente alla mammografia, suggerendo che le decisioni per questa fascia di età debbano piuttosto essere prese caso per caso; inoltre hanno ridefinito la frequenza delle mammografie per le donne ultracinquantenni, che dovrebbero passare ad essere biennali. Apriti cielo: si sono scatenate associazioni di cittadini e di pazienti, e anche le associazioni mediche, come l’American College of Radiology. Le nuove indicazioni sono state immediatamente percepite come un attacco all’intero impianto preventivo messo in atto in molti paesi del mondo contro il cancro della mammella, a prescindere da quelle che sono le prove portate a sostegno. Come dice la Aschwanden, “la disputa sulle linee guida sulla mammografia, non è sulle prove di efficacia, ma sul convincimento”. Come si può davvero spiegare che in quelle fasce di età non è sempre così importante andare a scoprire precocemente noduli che potrebbero non crescere mai? Come spiegare che in molti casi non si sa come riconoscere i tumori che cresceranno davvero? Come instillare dubbi sui rischi della sovradiagnosi e del sovratrattamento? Come spiegare che molti cancri aggressivi iniziano a diffondersi anche prima che siano rilevabili con la mammografia? Tutto questo non appare ragionevole, e soprattutto, non è confortante.

Credo che parlando di questi temi, parliamo inevitabilmente della nostra pratica clinica, delle nostre convinzioni di operatori sanitari, della nostra scarsa disponibilità a modificare quello che facciamo. Anche quando le informazioni giuste riusciamo a raggiungerle, o, in un modo o nell’altro, spesso attraverso percorsi difficili, comunque ci arrivano.

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 01/04/2010 alle 10:08:00, in Post)

Lunedì 12 aprile 2010

Tra farmaci generici e farmaci branded, quelli, per così dire, “di marca”, è in corso una battaglia più o meno silenziosa. Da una parte i Servizi Sanitari Nazionali, ad esempio quello inglese - ma anche quello italiano - dall'altra l'industria farmaceutica. I Servizi Sanitari Nazionali, avendo a disposizione i generici, farmaci uguali a quelli “di marca”, ma con costi decisamente inferiori, vorrebbero che fossero utilizzati il più possibile; l'industria teme invece che la diffusione dei generici possa erodere il mercato, i profitti, e gli investimenti nella ricerca. Lo scontro ha recentemente prodotto anche un'uscita allo scoperto dell'industria, che ha fatto pubblicare sul Times una lettera aperta nella quale si chiede di porre molta attenzione nel procedere lungo la strada dei generici, e in particolare di non consentire il cosiddetto Automatic Generic Substitution Scheme, un meccanismo proposto dal Department of Health inglese, secondo il quale il farmacista potrebbe autonomamente sostituire il farmaco di marca prescritto dal medico con un farmaco generico. La vicenda è raccontata sul BMJ in un articolo scritto da Margaret McCartney, che ne mette in luce anche alcuni interessanti retroscena.

Innanzitutto, la lettera pubblicata sul Times, che è stata firmata da medici, da responsabili di Società scientifiche come la Primary Care Dermatology Society, ma anche da associazioni di pazienti come la Cure Parkinson's Trust e la British Liver Trust, dando così l'idea che possa in qualche modo trattarsi di una qualche azione spontanea che nasce dal basso. La McCartney racconta però che la lettera in realtà è stata coordinata da un'agenzia di pubbliche relazioni, la Burson-Marsteller, a sua volta chiamata a operare dalla Norgine, una piccola industria farmaceutica. In pratica, la Burson-Marsteller ha fatto una ricerca di letteratura, selezionando articoli che parlavano in favore dei farmaci di marca, poi ha invitato gli autori a firmare una lettera contro i generici, senza peraltro che alla fine risultasse il nome della Norgine. La lettera si schiera decisamente contro la possibilità di qualsivoglia sostituzione automatica del farmaco di marca con il generico, e anzi attacca i generici, affermando che contengono sì lo stesso principio attivo dei farmaci di marca, ma “generalmente non sono testati su pazienti prima di essere venduti. Sono testati su volontari sani giovani per dimostrare che sono statisticamente bioequivalenti agli originali, ma è stato dimostrato clinicamente che la variabilità consentita significa che alcuni pazienti possono ricevere un farmaco che è meno efficace, o provare effetti collaterali diversi”. Inoltre, nella lettera si ricorda come un cambiamento delle forme e dei colori dei farmaci potrebbe confondere i pazienti, specie quelli più anziani che assumono diverse terapie.

Quando è stato pubblicato sul BMJ l'articolo della McCartney, è subito intervenuta Alison Clough, Commercial & Communications Director dell'Association of the British Pharmaceutical Industry, dichiarando in una Rapid Response che in realtà la Norgine non fa parte dell'Association of the British Pharmaceutical Industry (ABPI), in quanto non è un'azienda che fa ricerca, e che comunque l'ABPI “accetta il principio della sostituzione con generici”. Anche perché, è il ragionamento dell'ABPI, risparmiare utilizzando i generici libera risorse da investire poi nell'acquisto di altri farmaci innovativi. La risposta della Norgine non si è fatta attendere, con una lettera a firma del suo direttore, nella quale si afferma che, innanzitutto, l’ABPI ormai non rappresenterebbe più, come vuole far credere, l’industria farmaceutica che fa ricerca, dato che molti membri sono passati ad altre associazioni. E dice anche apertamente che le multinazionali del farmaco sono interessate soprattutto a produrre farmaci che sono inutili repliche di molecole già esistenti, tutt’altro che innovativi (i famigerati farmaci detti “me-too”). Proprio una bella lite in famiglia.

La situazione è dunque abbastanza complessa. A pensarci bene, forse è vero, come dice il direttore della Norgine, che le grandi aziende farmaceutiche sono più interessate a produrre “nuovi” farmaci che a proteggere quelli vecchi dall’avanzata del generico, anche perché le risorse liberate dal ricorso al generico potrebbero finire invece per essere investite in settori diversi da quello dei farmaci, come la prevenzione o altre forme di trattamento. Spremuta un’arancia, è meglio produrne una nuova che sembri più allettante. Comunque, per non sbagliare, conviene essere sicuri di aver spremuto ben bene, finché si può, la vecchia arancia. Quello che più di tutto preoccupa nella lettera pubblicata sul Times, è però forse la firma di associazioni di pazienti. Come quella della British Liver Trust che, guarda caso, è finanziata anche da diverse industrie farmaceutiche, come la Roche e la Bayer Schering, come è possibile vedere dal suo ultimo Annual Report . Ormai è noto che fra le strategie di marketing messe in campo dall'industria farmaceutica c’è anche quella di coinvolgere le associazioni di pazienti nell'inestricabile matassa di conflitti di interesse che ruota attorno all'universo del farmaco.

Detto questo, come si fa a non riconoscere comunque che l'industria farmaceutica rappresenta un importante settore dello sviluppo della Medicina e della Sanità contemporanee? Ma proprio per questo, da essa, sebbene di necessità orientata al marketing e al profitto, ci si aspetterebbe un atteggiamento più etico in questa fase di passaggio all'uso del generico al posto del farmaco di marca. E va infine anche sottolineato come i Servizi Sanitari nazionali dovrebbero sforzarsi il più possibile nel promuovere miglioramenti anche su aspetti apparentemente secondari del farmaco generico, come la sua conoscenza e accettabilità da parte di medici e pazienti.

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 01/04/2010 alle 10:07:00, in Podcast)
Questo Podcast contiene un'intervista con la dottoressa Luisa Toni, direttore del Dipartimento Farmaceutico dell'Azienda Usl di Bologna, a proposito di farmaci di marca e farmaci generici.
Per ascoltare l'intervista clicca sul pulsante con il triangolo qui sotto...
 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 30/03/2010 alle 07:56:55, in Post)

Martedì 30 marzo 2010

Servono a qualcosa le linee guida? Voglio dire, guardiamoci negli occhi, come operatore sanitario, ritieni che le linee guida siano in qualche modo utili per la tua professione? Hai fiducia nelle linee guida e in chi le realizza? Non siamo gli unici a chiedercelo. Se lo sono domandati anche al BMJ e hanno chiesto a due esperti, Raymond Gibbons e Richard Grol, di dire la loro. Uno ha parlato in favore delle linee guida, uno contro. Vediamo in breve le loro argomentazioni.

Secondo Raymond Gibbons, le linee guida migliorano realmente la qualità dell’assistenza. Per sostenere questo suo punto di vista, porta fatti concreti, l’esempio dell’area cardiovascolare. Dice che tra il 1970 e il 2000, negli Stati Uniti, l’aspettativa di vita è aumentata di sei anni e che quattro di questi anni di vita in più sono stati dovuti a miglioramenti nell’area cardiovascolare. Metà di tali miglioramenti vanno attribuiti all’abbattimento dei fattori di rischio, metà a un salto di qualità nei trattamenti. Però si sarebbe potuto fare di più. Il guaio, infatti, è che anche quando si sapeva che un certo trattamento era più efficace di altri, non veniva utilizzato nella pratica clinica. Un bel guaio davvero. Gibbons porta l’esempio dei pazienti con infarto acuto e che avevano già avuto un precedente evento: solo la metà di loro, pur in assenza di controindicazioni, riceveva l’acido acetilsalicilico. Porta anche altri esempi, come la mancata prescrizione di ACE-inibitori in circa la metà dei pazienti con scompenso cardiaco che di questi farmaci avrebbero invece potuto giovarsi. Ebbene, Gibbons dice che è stato grazie alle linee guida messe a punto dall’American College of Cardiology e dall’American Heart Association che le cose sono cambiate man mano. Le linee guida sono state applicate, e la mortalità per patologie cardiovascolari si è parallelamente ridotta. Tra il 2000 e il 2005, poi, c’è stato un incremento della compliance nell’utilizzo pratico delle linee guida sull’infarto dal 77 per cento circa al 93 per cento circa, incremento che si è tradotto in una riduzione di mortalità da 103 casi su 1000 a 81 casi su 1000. Quindi, le linee guida servono, conclude Gibbons, naturalmente se sono applicate all’assistenza reale.

Richard Grol inizia il suo discorso dalla fine, là dove praticamente è d’accordo con Gibbons. Dice, in sostanza, che le linee guida non sono utili quanto dovrebbero, ma solo perché in realtà non vengono impiegate per guidare la pratica clinica. Questo per una serie di motivi. Ad esempio, per poter diventare davvero utili, le linee guida, dovrebbero: essere applicate in un contesto di continua misurazione delle performance e di programmi di miglioramento, al fine di valutarne il reale impatto - ma nella pratica questi contesti sono poco diffusi; liberarsi del sospetto di rappresentare uno strumento di ispezione e contenimento della spesa, o di rafforzamento di posizioni professionali di specifiche discipline; migliorare la loro qualità su alcuni aspetti fondamentali, quali il coinvolgimento delle parti in causa, l’applicabilità, l’indipendenza editoriale, la libertà da conflitti d’interesse; ridurre l’eterogeneità di più linee guida sullo stesso argomento; sforzarsi di contenere le loro dimensioni spesso spropositate per l’utilizzo pratico, limitandosi a una serie di brevi raccomandazioni. Anche perché, ricorda Grol, le linee guida sono molto costose: pare che la realizzazione di una linea guida del NICE (National Institute of Clinical Excellence), ad esempio, possa arrivare a costare anche 400.000 sterline (oltre 570.000 euro).

Leggendo queste due diverse posizioni, la mia sensazione è che in realtà tanto diverse non siano. Mi sembra che entrambi si trovino d’accordo sul punto fondamentale, ossia che le linee guida possono servire solo se si fanno specifici sforzi per il loro adattamento locale e la loro attuazione nella pratica clinica, all’interno di programmi di miglioramento e di misurazione. In altre parole, non sono strumenti che il singolo medico va a leggersi per poi decidere “beh, da domani faccio così”. Sono invece strumenti che vanno, come si dice ormai anche in italiano, implementati, attraverso azioni abbastanza complesse e che comunque devono mobilitare l’organizzazione sanitaria, non il singolo medico. E, parallelamente a ciò, ci vorrebbe anche un grande sforzo finalizzato a migliorare la produzione delle linee guida, riducendone il numero complessivo e soprattutto la corposità, magari badando il più possibile a non produrne in contrasto tra loro.

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 15/03/2010 alle 18:26:23, in Post)

Martedì 16 marzo 2010

Medici e infermieri cercano informazioni per la loro professione con modalità molto specifiche, strettamente finalizzate all'interazione con i pazienti. Vanno quindi a caccia il più possibile di indicazioni precise per la pratica clinica. Questo tipo di approccio è decisamente distante dai modelli di ricerca di informazioni di tipo accademico, o comunque da quelli che sono caratteristici di chi fa ricerca. Peccato che tutto il sistema dell’informazione medico-scientifica ruoti invece ancora molto attorno a queste due modelli, risultando così di scarsa utilità per l’operatore sanitario pratico. Sono questi i risultati principali di una ricerca effettuata da una studiosa inglese, Paula Younger, che li ha pubblicati sulla rivista Health Information and Libraries Journal, in un articolo intitolato Internet-based information-seeking behaviour amongst doctors and nurses: a short review of the literature. Si tratta di una revisione di letteratura che ha preso in esame 23 revisioni precedenti, realizzate in vari paesi americani ed europei, tra i quali però non c’è l’Italia.

Pochi sono gli studi che avevano precedentemente messo a confronto il comportamento di ricerca di informazioni di medici e infermieri, un fenomeno che si è modificato radicalmente negli ultimi anni soprattutto per il grande sviluppo della disponibilità di informazioni on-line, che a sua volta ha reso possibile la nascita stessa dell’Evidence Based Medicine (EBM).

Per quanto riguarda in particolare gli infermieri, gli aspetti principali che emergono da questa revisione sono che anche loro, come i medici, per ottenere informazioni che considerano mancanti, si rivolgono soprattutto ai colleghi. Il loro utilizzo delle fonti on line è elevato durante gli anni di studio, per poi scendere drasticamente negli anni successivi, anche per la scarsa confidenza con i database specifici della professione. Inoltre, va considerato che solo circa la metà degli infermieri dichiara di avere accesso a un computer connesso alla rete, senza contare il grande problema rappresentato dal poco tempo a disposizione da dedicare a questa attività. Infine, emerge il problema della scarsa fiducia nelle proprie capacità di valutare criticamente la letteratura scientifica e di filtrarla prima di poterla prendere in considerazione per la propria pratica clinica.

Per quanto riguarda i medici, come ormai diverse ricerche hanno dimostrato, anche loro dipendono soprattutto dai colleghi quando vanno alla ricerca di qualcosa che ritengono di non sapere. Ci si fida del collega conosciuto più che della letteratura. Molti medici, infatti, fino al 70 per cento, sentono di non avere sufficiente confidenza con i database di informazioni, un dato particolarmente marcato tra i medici di medicina generale. Nonostante una certa loro “staticità” i libri continuano a rappresentare ancora un punto di riferimento. Anche i medici, comunque, quando cercano informazioni, vorrebbero trovare indicazioni il più possibile precise per la propria pratica clinica.

Dai risultati di questo studio appare evidente che sebbene da qualche parte, là nella rete, le informazioni affidabili e di qualità ci siano, non sono molti quelli in grado di recuperarle al momento in cui servono, il che ci rimanda al tema del post precedente del Blog Scire. E forse, questo fenomeno aiuta anche a capire come mai nella pratica clinica siano molto diffusi comportamenti difformi da quelli che sarebbero dettati dalle evidenze disponibili. Per l’Italia esiste poi il problema aggiuntivo della lingua inglese, che per molti continua a rappresentare un ostacolo non da poco alla consultazione di riviste e banche dati internazionali.

Intanto, purtroppo, la più autorevole fonte di informazione evidence based in lingua italiana, Clinical Evidence, sembra essere ferma. L’ultima edizione, la numero 6, è del 2008. La versione inglese intanto è andata molto avanti e certamente ci sarebbe bisogno di un investimento che rilanciasse questo importante strumento. Speriamo che l’Agenzia Italiana del farmaco (AIFA), che insieme al Centro Cochrane Italiano e all’editore Zadig l'aveva realizzato, prenda presto provvedimenti in tal senso.

 Dichiarazione di potenziale conflitto d’interesse: Dichiaro di far parte del gruppo di esperti che ha collaborato alla stesura del Glossario metodologico della versione italiana di Clinical Evidence. Tale prestazione è sempre stata svolta a titolo gratuito.

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 01/03/2010 alle 16:10:22, in Post)

Lunedì 1 marzo 2010

Che pacchia sarebbe, poter avere a disposizione un servizio di risposte rapide, Evidence Based, alle domande che sorgono mentre sei in ambulatorio o in reparto e alle quali non sai rispondere. Ad esempio, immagina che un paziente ti ponga la domanda: “dottore, ci sono prove che l’agopuntura sia efficace per prevenire gli attacchi di emicrania?” Visto che il paziente ti chiede precisamente di sapere se ci sono prove, e non in generale cosa ne pensi, sarebbe bello poter inviare a un centro Evidence Based la domanda, e ricevere magari la risposta nel giro di un quarto d’ora o venti minuti al massimo, così da poterla utilizzare direttamente nella consultazione. Sembra fantascienza, ma non lo è e non è neanche un sogno. E’ invece esattamente quello che è stato realizzato in una ricerca nell’Ontario, in Canada, coinvolgendo 82 medici di medicina generale, cinque infermieri e uno specializzando, con grande soddisfazione loro e anche dei bibliotecari che fornivano l’informazione. Bibliotecari un po’ speciali, va detto, in quanto appositamente formati per poter partecipare con successo a questo progetto.

Lo studio in questione è stato pubblicato su Health Information and Libraries Journal da parte di un gruppo di ricercatori guidati da Jessie McGowan, che hanno illustrato in dettaglio il sistema utilizzato. Funziona così: il medico che ha un dubbio e che vorrebbe una risposta Evidence Based, può porre la domanda direttamente su un’interfaccia dal web, utilizzando anche un palmare o un cellulare connesso a Internet, quindi può farlo anche se in quel momento è al letto del malato, magari al suo domicilio. Il messaggio arriva sul computer del bibliotecario dove si accende un pop up e suona un segnale sonoro, per dire che, appunto, è arrivata una domanda. Il bibliotecario trasforma tutte le volte che è possibile la domanda ricevuta nello schema PICO (Paziente, Intervento, Controllo, Outcome) e stabilisce di che tipo di domanda si tratta (ad esempio diagnosi, eziologia, terapia, prognosi, eccetera).

Poi, seguendo una check list predefinita, va a caccia della risposta utilizzando innanzitutto fonti terziarie e secondarie, come Clinical Evidence, le linee guida del NICE, report di Health technology assessment, siti di domande e risposte (come Attract e Trip) e comunque sempre fonti di cui è conosciuto il rigore metodologico. Quando trova la risposta, il bibliotecario fa un’operazione di copia incolla, evitando finché possibile di riscrivere il testo, in modo da non correre il rischio di inserire errori. A quel punto, click, la risposta è inviata al medico che ha posto la domanda, con il link alla fonte originale.

A questa esperienza, durata circa due anni, hanno partecipato quattro bibliotecari a tempo parziale, quindi come se si fosse trattato di poco più di due bibliotecari a tempo pieno. Alla centrale Evidence Based sono arrivate una cinquantina di domande alla settimana, quindi si può dire che il servizio è stato largamente utilizzato. I questionari e le interviste di fine studio hanno messo in evidenza un buon livello di soddisfazione da parte dei clinici e anche dei bibliotecari, anche se sono ovviamente state rilevate delle criticità. Ad esempio, in alcuni casi alle domande non era possibile dare un risposta, dal momento che non erano orientate alla pratica o riguardavano il dosaggio farmacologico per uno specifico paziente, o erano domande multiple (in quest’ultimo caso il bibliotecario rispondeva solo alla prima). Ci sono stati momenti in cui a un bibliotecario arrivavano più domande contemporaneamente, e allora era difficile stare nei 20 minuti di risposta che ci si era prefissati; talvolta ci si trovava poi di fronte a evidenze in conflitto tra loro, e qui la risposta doveva per forze essere più complessa.

In generale, però, secondo gli autori dello studio, le cose sono andate molto bene, tanto che ora già si pensa a formule migliorate di questo servizio. Una possibilità futura sarà quella di concedere più tempo ai bibliotecari per processare le domande più complesse, perché se è vero che la rapidità è importante in generale, in alcuni casi i tempi possono essere più dilatati senza creare difficoltà al medico e potendo così garantirgli risposte più precise e affidabili.

Il mio parere è che questi sistemi veloci di domanda-risposta Evidence Based al medico pratico siano di estremo interesse, viste le difficoltà e le resistenze che incontrano le ricerche di informazioni da parte del medico nel mondo reale, anche ora che sono disponibili molte fonti terziarie e secondarie. Infatti, questi sistemi mimano quella che è la via naturale di risoluzione delle lacune informative: chiedere a chi sa. Quando un medico non sa qualcosa che gli servirebbe, non fa altro che chiedere a un collega che ritiene più esperto in materia. Il sistema sperimentato dai ricercatori canadesi offre la stessa cosa, almeno per quanto riguarda il puro aspetto informativo, mentre manca della parte riguardante l’esperienza clinica. Ci sono vantaggi e svantaggi. Il vantaggio è che l’informazione che arriva è certamente Evidence Based, cosa non sempre vera per il consiglio ricevuto dal collega; lo svantaggio è che, appunto, si tratta solo di un’informazione, non basata sulla pratica clinica, e che quest’ultima dovrà mettercela invece lo stesso medico che riceve l’informazione. E poi, per quanto riguarda l’Italia, un sistema del genere, se fornisse risposte in lingua italiana, potrebbe aiutare a superare la difficoltà che nasce dal fatto che la stragrande maggioranza delle fonti Evidence Based secondarie e terziarie è in lingua inglese, e quindi fuori dalla portata di molti medici pratici.

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 19/02/2010 alle 09:18:46, in Post)

Venerdì 19 febbraio 2009

In alcune occasioni al paziente non si dice tutta la verità. È un dato di fatto, nonostante che oggi si tenda a dichiarare la generale volontà di informare il paziente il più possibile, sia per trasparenza, sia perché si ritiene che, adeguatamente informato, il paziente possa non solo contribuire alle scelte del medico, ma perfino affrontare meglio da un punto di vista psicologico le difficoltà poste dalla malattia. Di questo argomento, forse tra i più difficili del rapporto medico-paziente, parla un breve articolo appena pubblicato dal New England Journal of Medicine, intitolato Whithholding information from patients – When less is more, che è stato scritto da tre medici americani, guidati da Ronald Epstein.

In sostanza, l’articolo ricorda che ci sono alcune condizioni, per così dire, “ufficialmente riconosciute”, nelle quali si dà per scontato che al paziente non si dà la completa informazione su diagnosi, prognosi e trattamento: quando il paziente è considerato privo della capacità cognitiva necessaria per comprendere l’informazione; quando ci si trova in una condizione di emergenza che costringe a intervenire (per esempio la rottura di un aneurisma aortico); quando il paziente fa capire al medico di non voler conoscere la propria situazione e soprattutto i dettagli riguardanti, ad esempio, la prognosi. Quest’ultima situazione può essere del tutto esplicita, ricordano gli autori dell’articolo, ma anche implicita, tra le righe. Infatti, il paziente può semplicemente rispondere con il silenzio ai tentativi di spiegazione da parte del medico, oppure mostrarsi distratto e tendere a cambiare argomento, ma anche in tali casi bisogna essere in grado di recepire il messaggio e comportarsi di conseguenza.

Poi c’è quella che Epstein e i suoi collaboratori chiamano la “zona grigia”, ossia quelle “situazioni nelle quali i medici (consciamente o inconsciamente) nascondono informazioni al paziente che avrebbe la capacità di capire e che non ha espresso il desiderio di non essere informato”. Sono situazioni in cui la decisione su cosa dire e cosa non dire è dettata dal desiderio, da parte del medico, di voler massimizzare i benefici e minimizzare il carico psicologico, cognitivo ed emozionale al quale il paziente viene esposto. Insomma, è un sottile lavoro psicologico che spesso il medico fa senza neanche rendersene conto, e che è basato essenzialmente sulla sua esperienza e sulla sua sensibilità umana. Quindi al paziente non viene detto proprio tutto, nella convinzione che tacere o sfumare su qualche punto dell’informazione potrà portargli un beneficio.

Si potrebbe discutere della liceità di tale comportamento, ma credo che non ci sia medico al mondo che non metta in atto questa funzione di filtro informativo nella convinzione di star lavorando per il beneficio del paziente. Gli autori dell’articolo apparso sul New England Journal of Medicine definiscono anche alcune caratteristiche dell’informazione che si decide di dare al paziente, caratteristiche definite “strumentali” ed “emotive-relazionali”. Quelle strumentali sono finalizzate a fornirgli elementi e ulteriori risorse informative per le decisioni da prendere insieme, mentre quelle emotive-relazionali sono destinate ad aiutarlo ad affrontare la situazione e ad avere fiducia nella relazione medico-paziente.

Quest’ultimo punto è, come ho detto all’inizio, di grande importanza ed Epstein e collaboratori lo dicono a chiare lettere. “La capacità dei pazienti di acquisire e utilizzare informazioni e di partecipare pienamente al loro processo diagnostico-terapeutico non dipende solo da quanta informazione ricevono – ma dipende anche dalla natura della relazione con i loro clinici, con le loro famiglie e con gli altri”. E infatti, se il paziente avrà fiducia nel proprio medico, è molto probabile che gli basteranno le informazioni che lui gli darà, mentre in caso contrario è possibile che si rivolga ad altre fonti informative, che possono essere altri medici, ma anche, ad esempio, Internet.

In poche parole, quale sarebbe l’ideale per il paziente? Poter essere autonomo nel prendere una decisione, ma dopo essere stato correttamente informato all’interno di una relazione emotivamente significativa. Un equilibrio molto difficile da raggiungere.

 

Per rispondere alla domanda "Ti è mai capitato di nascondere qualche informazione a un tuo paziente nella convinzione di star agendo per il suo beneficio?" vai all'area Sondaggio nella colonna destra di questa pagina.

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 03/02/2010 alle 18:09:57, in Post)

Giovedì 4 febbraio 2010

L’Ema, l’Agenzia europea per i farmaci, passa finalmente dalla Direzione generale dell’industria alla Direzione generale della sanità pubblica. E allora? Cambia qualcosa per te che vivi in reparto o in ambulatorio a visitare pazienti tutto il giorno? Potrebbe cambiare, perché potrebbe voler dire che si passa dalla predominanza del marketing a quella della salute dei cittadini. Provo a spiegare.

Come ricorda la newsletter di gennaio dell’associazione Nograziepagoio fino ad oggi, in Europa l’approvazione di un nuovo farmaco era gestita come quella di un qualunque altro prodotto commerciale, quindi con un occhio particolarmente attento ai bisogni e all’interesse dell’industria. Secondo quanto scritto da Silvio Garattini, Direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano, in una lettera aperta di qualche anno fa, a causa di questo specifico interesse da parte dell’industria, ad esempio, per far entrare nel mercato un nuovo farmaco non è necessario dimostrare che sia migliore di quelli già esistenti, e paradossalmente può capitare che sia addirittura meno efficace e più tossico. Inoltre, non è possibile avere accesso ai dati degli studi clinici utilizzati per l’approvazione, ed esiste perfino una regola che consente all’industria di scegliere uno dei due relatori che devono valutare il proprio farmaco. Senza contare che praticamente non esiste nessuna attività di farmacovigilanza realmente strutturata una volta che il farmaco è stato approvato ed è sul mercato.

Ecco, ora è possibile che con il trasferimento dell’Ema alla Direzione generale della sanità pubblica, deciso encomiabilmente da José Manuel Barroso, Presidente della Commissione Europea, tutto questo possa cambiare. Come scrive in un suo comunicato stampa l’International Society of Drug Bullettins (in italiano, versione riportata dalla rivista Dialogo sui farmaci), finalmente si riconosce in tal modo che il farmaco e le strumentazioni mediche “non possono essere considerate come ‘normali’ prodotti di consumo”. Ci si aspetta ora dunque una sostanziosa ristrutturazione del funzionamento dell’Ema, dei suoi finanziamenti, e anche del suo livello di trasparenza.

Quindi cosa cambia per l’operatore sanitario da qui in avanti? Ci aspettiamo che un po’ alla volta, in virtù di questo cambiamento, comincino ad arrivare sul mercato solo quei farmaci che portano un reale miglioramento per il paziente, perché più efficaci di quelli già disponibili, o perché meno tossici; ci aspettiamo che sia possibile conoscere in piena trasparenza il percorso di autorizzazione dei nuovi farmaci e che sia possibile consultare i trial realizzati dall’industria o da chiunque altro li abbia effettuati; ci aspettiamo che vengano iniziati programmi di farmacovigilanza che consentano di continuare a valutare e studiare un farmaco nel tempo anche dopo che è entrato nel mercato, fase oggi largamente disconosciuta e che invece è della massima importanza per le valutazioni di sicurezza ed efficacia sul lungo periodo. E quindi ci aspettiamo anche che non si verifichino più in futuro episodi come quello del refecoxib, di cui si è molto parlato negli anni scorsi, soprattutto quando si è scoperto che l’eccesso di eventi cardiovascolari collegati all’uso di questa molecola era ben evidente già nel 2001, tre anni prima che ci si sia decisi a ritirarlo dal mercato. Ci aspettiamo, insomma, che il farmaco sia considerato e valutato per quello che è, ossia uno strumento fondamentale per la salute dei cittadini (assieme alla promozione dei corretti stili di vita) e non un oggetto posato sullo scaffale di un negozio.

Di tutto questo c’è molto bisogno, se si considera che anche l’istituzione di un servizio come quello di ClinicalTrial.gov, il sito nel quale devono oggi essere depositati i trial clinici prima del loro inizio per garantire che non spariscano se questo dovesse mai convenire a qualcuno, non riesce a garantire più di tanto la trasparenza del sistema. Come ricorda Russel Luepker in un recente commento pubblicato pochi giorni fa su gli Archives of Internal Medicine, si sa infatti che dei 2028 trial registrati in ambito oncologico solo poco più del 17 per cento risulta pubblicato in riviste peer-reviewed; e si sa anche che dei trial condotti dai grandi network di ricerca internazionali risulta pubblicato il 59 per cento, un tasso che scende a meno del 6 per cento per i trial sponsorizzati dall’industria, che evidentemente ha la brutta abitudine di pubblicare quello che le conviene e di far sparire il resto.

 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 03/02/2010 alle 18:08:35, in Podcast)
Questo Podcast contiene un'intervista con la dottoressa Maria Font, vicedirettore della rivista Dialogo sui farmaci e farmacista dell'Azienda Usl 20 di Verona, oltre che Presidente uscente dell'International Society of Drug Bullettins, a proposito di importanti cambiamenti riguardanti l'Agenzia Europea per i Farmaci (EMA). Per ascoltare l'intervista clicca sul pulsante con il triangolo qui sotto...
 
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 21/01/2010 alle 17:08:34, in Post)

Venerdì 22 gennaio 2010

Un nuovo studio riporta l’attenzione sull’intrigante questione dell’efficacia dell’agopuntura vera e di quella simulata, che viene utilizzata nelle ricerche cliniche come termine di confronto. I risultati di questo studio confermano ancora una volta che sì l’agopuntura è efficace, ma stranamente lo è anche l’agopuntura simulata. Vediamo un po’ più in dettaglio. Si tratta di un RTC (Trial Randomizzato e Controllato) realizzato con pazienti affetti da dolore lombare cronico non complicato. L’RCT è stato pubblicato sulla rivista Archives of Internal Medicine a firma di Daniel Cherkin di Seattle e dei suoi collaboratori, e ripreso sul numero di dicembre 2009 della rivista secondaria Evidence Based Medicine che lo accompagna come al solito con un preciso commento.

Quattro i gruppi nei quali gli oltre 640 pazienti sono stati suddivisi: uno ha effettuato l’agopuntura standardizzata, uno ha effettuato un’agopuntura individualizzata secondo il giudizio dell’operatore, uno l’agopuntura simulata, mentre il quarto gruppo ha seguito la cosiddetta usual care, ossia il trattamento medico normalmente disponibile. Alla fine, come ho anticipato, i pazienti di tutti e tre i gruppi trattati con le varie forme di agopuntura sono stati meglio in maniera significativa rispetto a quelli del gruppo che ha fatto l’usual care, sia per quanto riguarda il miglioramento del sintomo dolore, sia per quanto riguarda la ripresa della funzionalità.

E'  questo allora uno studio che conferma l’efficacia dell’agopuntura? Si potrebbe rispondere “sì” e “no”. Sì, perché l’agopuntura è comunque risultata superiore all’usual care; no perché abbiamo sempre tra i piedi l’agopuntura simulata che risulta altrettanto efficace (per essere precisi, al controllo a 52 settimane, l’usual care e l’agopuntura simulata risultano entrambe non più efficaci, le altre due forme di agopuntura sono invece ancora efficaci). Peraltro, la solita agopuntura simulata (detta anche sham) era già risultata efficace, così come quella vera, anche per la prevenzione degli attacchi di emicrania, come emerso da una recente revisione sistematica della Cochrane Library, di cui il Blog Scire ha parlato nel post numero 25.

L’importanza di questo nuovo RCT risiede certamente nel fatto che aggiunge nuove conoscenze a quelle sintetizzate in un'altra revisione della Cochrane Library dedicata proprio ad agopuntura e dolore lombare, visto che ha coinvolto un significativo numero di pazienti e ne ha prolungato l’osservazione per circa un anno, senza contare che ha introdotto nella sperimentazione anche l’agopuntura individualizzata, molto cara agli agopuntori. Tuttavia, c’è da sottolineare che l’agopuntura simulata come termine di confronto con quella vera è vista con sospetto dagli esperti di agopuntura, sia che si tratti di agopuntura con aghi veri effettuata in punti “sbagliati”, sia che si tratti, come in questo caso, di agopuntura realizzata con aghi finti (in realtà dei semplici stuzzicadenti mascherati da aghi, che non penetravano nella pelle) ma sui “veri” punti dell’agopuntura. Mi rendo conto che si tratta di una sorta di ghirigoro mentale, però questo è quello che si fa per cercare di capire se l’agopuntura abbia o no uno specifico effetto terapeutico. Ma gli esperti di agopuntura sostengono che in tutti e due i casi, in realtà non si sta facendo un’agopuntura finta, dal momento che anche l'infissione di aghi in punti “sbagliati” è attiva, proprio come la semplice pressione con uno stuzzicadenti sui punti “giusti”. Insomma, sembra proprio che non ci sia modo di inventare un’agopuntura finta che possa fungere da termine di confronto con quella vera, e che accontenti, oltre agli esperti di metodologia della ricerca, anche gli esperti di agopuntura.

Quindi per ora non se ne esce. Però è bene che gli esperti di agopuntura riflettano, perdonate il gioco di parole, su questi punti, e diano il loro contributo (ad esempio indicando quale potrebbe essere una forma accettabile di agopuntura simulata da utilizzare negli RCT) affinché si possa davvero arrivare a sgomberare il campo di questa importante medicina non convenzionale dall’ombra del puro effetto placebo.

L'argomento è di grande interesse per le ricadute che potrebbe avere sulle possibilità di impiego dell'agopuntura, ma anche di altre medicine non convenzionali, all'interno del Servizio Sanitario Nazionale. Qui in Emilia-Romagna c'è grande attenzione anche verso questa possibilità. Da alcuni anni è attivo un Osservatorio regionale per le Medicine non convenzionali, coordinato dal dottor Marco Biocca dell'Agenzia Sanitaria Regionale, con la collaborazione di un esperto ricercatore sul campo, il dottor Francesco Cardini. L'Osservatorio, oltre a promuovere la formazione e la conoscenza su questo settore della Medicina, sostiene progetti di ricerca finalizzati proprio a cercare di capire quale potrebbe essere l'impatto dell'utilizzo delle Medicine non convenzionali nei servizi sanitari pubblici.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17
 
 
 
 
Danilo di Diodoro
Chi è Danilo di Diodoro Chi è Danilo di Diodoro
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(lettura online su Blogspot)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato epub)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato mobi)
Segui su Twitter Danilo di Diodoro
 
Titolo
Inserisci una parola chiave
 

 
Titolo
Podcast (25)
Post (175)

Raccolti per mese:


Ultimi commenti:

Per Clementoni Tretti: le evid...
12/10/2018 alle 16:00:14
di Roberto Iovine

Ancora sull’omeopatia??????Leg...
12/10/2018 alle 15:55:56
di Roberto Iovine

Mi piacerebbe capire se la cur...
12/10/2018 alle 10:22:49
di M.Clementoni Tretti Mov.x i diritti del malato BS

Sarebbe utile che i medici di ...
30/03/2018 alle 13:50:31
di Marisa Clementoni Tretti Mov. Diritti del malato

Perché non lo sappiamo che i 2...
22/11/2017 alle 11:48:38
di libero professionista

L'analisi mi sembra molto corr...
22/11/2017 alle 10:51:11
di Leo Orselli cardiologo territoriale AUSL Bologna

Purtroppo nulla di nuovo sotto...
22/11/2017 alle 10:32:31
di Rosario Carulli - Anestesia e Rianimazione


 
Titolo

È il sito di social bookmarking di Scire. Tienilo d'occhio, ci troverai link ad articoli importanti, man mano che sono pubblicati. Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015

   

Si legge: "doc to doc", da medico a medico. È un luogo di discussione e scambio di opinioni tra medici di tutto il mondo.


 
Titolo

È la raccolta dei principali collegamenti citati nei post. Compaiono qui sotto quelli più recenti; gli altri si visualizzano cliccando qui, o in fondo, su
Storico Storico

01/12/2018
L'articolo su Nature
First CRISPR babies: six questions that remain

11/10/2018
L'articolo su Scientific Reports
Ultra-diluted Toxicodendron pubescens attenuates...

29/07/2018
L'articolo su Biological Psychiatry
Chronic stress remodels synapses in an amygdala circuit-specific manner


 
 
 
 
 
Per visualizzare i feed in Internet Explorer è necessario disporre di MSXML3 SP5 o vers. successiva.
 
 
Ci sono 95 persone collegate

 
 
Web Site Store Bologna
Web Design & Development
ICT Business Solutions