Blog Scire
Letteratura medica per la pratica clinica
Danilo di Diodoro – Informazione scientifica applicata – Azienda Usl di Bologna
 
Home Page : Articolo
Scire – Post 62: Dal marketing alla salute
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 03/02/2010 alle 18:09:57, in Post)

Giovedì 4 febbraio 2010

L’Ema, l’Agenzia europea per i farmaci, passa finalmente dalla Direzione generale dell’industria alla Direzione generale della sanità pubblica. E allora? Cambia qualcosa per te che vivi in reparto o in ambulatorio a visitare pazienti tutto il giorno? Potrebbe cambiare, perché potrebbe voler dire che si passa dalla predominanza del marketing a quella della salute dei cittadini. Provo a spiegare.

Come ricorda la newsletter di gennaio dell’associazione Nograziepagoio fino ad oggi, in Europa l’approvazione di un nuovo farmaco era gestita come quella di un qualunque altro prodotto commerciale, quindi con un occhio particolarmente attento ai bisogni e all’interesse dell’industria. Secondo quanto scritto da Silvio Garattini, Direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano, in una lettera aperta di qualche anno fa, a causa di questo specifico interesse da parte dell’industria, ad esempio, per far entrare nel mercato un nuovo farmaco non è necessario dimostrare che sia migliore di quelli già esistenti, e paradossalmente può capitare che sia addirittura meno efficace e più tossico. Inoltre, non è possibile avere accesso ai dati degli studi clinici utilizzati per l’approvazione, ed esiste perfino una regola che consente all’industria di scegliere uno dei due relatori che devono valutare il proprio farmaco. Senza contare che praticamente non esiste nessuna attività di farmacovigilanza realmente strutturata una volta che il farmaco è stato approvato ed è sul mercato.

Ecco, ora è possibile che con il trasferimento dell’Ema alla Direzione generale della sanità pubblica, deciso encomiabilmente da José Manuel Barroso, Presidente della Commissione Europea, tutto questo possa cambiare. Come scrive in un suo comunicato stampa l’International Society of Drug Bullettins (in italiano, versione riportata dalla rivista Dialogo sui farmaci), finalmente si riconosce in tal modo che il farmaco e le strumentazioni mediche “non possono essere considerate come ‘normali’ prodotti di consumo”. Ci si aspetta ora dunque una sostanziosa ristrutturazione del funzionamento dell’Ema, dei suoi finanziamenti, e anche del suo livello di trasparenza.

Quindi cosa cambia per l’operatore sanitario da qui in avanti? Ci aspettiamo che un po’ alla volta, in virtù di questo cambiamento, comincino ad arrivare sul mercato solo quei farmaci che portano un reale miglioramento per il paziente, perché più efficaci di quelli già disponibili, o perché meno tossici; ci aspettiamo che sia possibile conoscere in piena trasparenza il percorso di autorizzazione dei nuovi farmaci e che sia possibile consultare i trial realizzati dall’industria o da chiunque altro li abbia effettuati; ci aspettiamo che vengano iniziati programmi di farmacovigilanza che consentano di continuare a valutare e studiare un farmaco nel tempo anche dopo che è entrato nel mercato, fase oggi largamente disconosciuta e che invece è della massima importanza per le valutazioni di sicurezza ed efficacia sul lungo periodo. E quindi ci aspettiamo anche che non si verifichino più in futuro episodi come quello del refecoxib, di cui si è molto parlato negli anni scorsi, soprattutto quando si è scoperto che l’eccesso di eventi cardiovascolari collegati all’uso di questa molecola era ben evidente già nel 2001, tre anni prima che ci si sia decisi a ritirarlo dal mercato. Ci aspettiamo, insomma, che il farmaco sia considerato e valutato per quello che è, ossia uno strumento fondamentale per la salute dei cittadini (assieme alla promozione dei corretti stili di vita) e non un oggetto posato sullo scaffale di un negozio.

Di tutto questo c’è molto bisogno, se si considera che anche l’istituzione di un servizio come quello di ClinicalTrial.gov, il sito nel quale devono oggi essere depositati i trial clinici prima del loro inizio per garantire che non spariscano se questo dovesse mai convenire a qualcuno, non riesce a garantire più di tanto la trasparenza del sistema. Come ricorda Russel Luepker in un recente commento pubblicato pochi giorni fa su gli Archives of Internal Medicine, si sa infatti che dei 2028 trial registrati in ambito oncologico solo poco più del 17 per cento risulta pubblicato in riviste peer-reviewed; e si sa anche che dei trial condotti dai grandi network di ricerca internazionali risulta pubblicato il 59 per cento, un tasso che scende a meno del 6 per cento per i trial sponsorizzati dall’industria, che evidentemente ha la brutta abitudine di pubblicare quello che le conviene e di far sparire il resto.

 
 
 
Lascia tu il primo commento a questo articolo.

 
Anti-Spam: digita qui sotto le 6 cifre CAPTCHA

Testo (max 1600 caratteri)

Nome e Cognome, Struttura o Associazione di appartenenza

e-Mail oppure Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato
 
 
 
 
Danilo di Diodoro
Chi è Danilo di Diodoro Chi è Danilo di Diodoro
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(lettura online su Blogspot)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato epub)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato mobi)
Segui su Twitter Danilo di Diodoro
 
Titolo
Inserisci una parola chiave
 

 
Titolo
Podcast (25)
Post (176)

Raccolti per mese:


Ultimi commenti:

Ciao a tutti, voglio solo dare...
16/08/2019 alle 22:25:00
di melisa eva

Attenzione:Stai cercando una R...
21/06/2019 alle 00:19:09
di MRS KATHY HALL

Per Clementoni Tretti: le evid...
12/10/2018 alle 16:00:14
di Roberto Iovine

Ancora sull’omeopatia??????Leg...
12/10/2018 alle 15:55:56
di Roberto Iovine

Mi piacerebbe capire se la cur...
12/10/2018 alle 10:22:49
di M.Clementoni Tretti Mov.x i diritti del malato BS

Sarebbe utile che i medici di ...
30/03/2018 alle 13:50:31
di Marisa Clementoni Tretti Mov. Diritti del malato

Perché non lo sappiamo che i 2...
22/11/2017 alle 11:48:38
di libero professionista


 
Titolo

È il sito di social bookmarking di Scire. Tienilo d'occhio, ci troverai link ad articoli importanti, man mano che sono pubblicati. Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015

   

Si legge: "doc to doc", da medico a medico. È un luogo di discussione e scambio di opinioni tra medici di tutto il mondo.


 
Titolo

È la raccolta dei principali collegamenti citati nei post. Compaiono qui sotto quelli più recenti; gli altri si visualizzano cliccando qui, o in fondo, su
Storico Storico


 
 
 
 
 
Per visualizzare i feed in Internet Explorer è necessario disporre di MSXML3 SP5 o vers. successiva.
 
 
Ci sono 49 persone collegate

 
 
Web Site Store Bologna
Web Design & Development
ICT Business Solutions