Blog Scire
Letteratura medica per la pratica clinica
Danilo di Diodoro – Informazione scientifica applicata – Azienda Usl di Bologna
 
Home Page : Articolo
Scire – Post 60: Professioni a rischio
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 13/01/2010 alle 10:32:42, in Post)

Giovedì 14 gennaio 2010

Medici e infermieri corrono più o meno lo stesso rischio di essere aggrediti di quello di poliziotti e altre forze dell’ordine, come segnala uno studio spagnolo condotto in tre ospedali e in 22 strutture sanitarie di base urbane e rurali, pubblicato sull’International Journal of Occupational and Environmental Health. Lo studio ha valutato oltre 1800 questionari, dai quali risulta che l’11 per cento degli operatori sanitari ha subito un’aggressione fisica nell’ultimo anno, mentre il 64 per cento ha dovuto subire minacce, insulti e intimidazioni. In diversi casi si è trattato di eventi ripetuti, e spesso anche con conseguenze sull’equilibrio psicologico degli aggrediti, tale da compromettere il loro buon funzionamento lavorativo.

Come è facile immaginare, gli operatori sanitari più esposti sono coloro che lavorano nei servizi di emergenza e in quelli psichiatrici: in questi settori le aggressioni fisiche nell’ultimo anno hanno raggiunto rispettivamente il 48 per cento e il 27 per cento degli operatori; gli insulti sono risultati invece praticamente ubiquitari, avendo coinvolto rispettivamente l’82 e il 64 per cento degli operatori, e percentuali più o meno simili si trovano per le minacce. Queste ultime sono risultate molto elevate anche nei reparti chirurgici. Gli infermieri, seguiti subito a ruota dai medici, essendo più a contatto con i pazienti, sono i più esposti alla violenza fisica, mentre gli insulti sono per tutti; le minacce sembrano essere invece più facilmente dirette ai responsabili dei servizi, a chi prende le decisioni, probabilmente anche con l’intento di influenzarli.

Il rischio più elevato lo corrono gli operatori degli ospedali di maggiori dimensioni, mentre il fenomeno della violenza sembra essere meno marcato nei servizi di dimensioni più limitate e di collocazione rurale, probabilmente in conseguenza del diverso tipo di rapporto che si instaura tra gli operatori e gli utenti dei servizi. Non è stata invece trovata nessuna correlazione tra la frequenza di aggressione fisica e il sesso dell’operatore, ma le minacce sembrano essere invece indirizzate più frequentemente agli operatori di sesso maschile. E’ interessante anche notare che circa l’85 per cento delle aggressioni è perpetrato dagli stessi pazienti: un quarto di essi circa risulta essere affetto da disturbi psichici e circa il 6 per cento è sotto l’influsso di droghe. Le motivazioni riportate a proposito delle cause dell’aggressione sono le lunghe attese, il rifiuto di certificazioni di malattia, la discordanza sulle prescrizioni di farmaci. Nei servizi di emergenza circa un quarto delle aggressioni avviene invece ad opera di persone che accompagnano il paziente.

Per quanto riguarda l’Italia, un articolo pubblicato nel 2009 sul Journal of Nervous and Mental Diseases e realizzato su pazienti psichiatrici ricoverati in strutture per acuti (primo autore Bruno Biancospino, per il PROGRES-Acute Group), segnala che il 10 per cento dei pazienti ha manifestato un comportamento ostile durante il ricovero, con il tre per cento che risulta aver aggredito altri pazienti o membri dello staff.

C'è anche uno studio realizzato dallo SMI (Sindacato Medici Italiani), a firma di Nicola Barletta, su un gruppo di medici di Continuità Assistenziale (ex guardia medica), pubblicato sulla rivista Prospettive Mediche. Da questo studio si rileva che 9 medici su 10 dell’ex Guardia Medica, certamente tra i più esposti al rischio, hanno subito un’aggressione, sebbene nella maggior parte dei casi “solo” di tipo verbale; inoltre il 20 per cento ha subito percosse e il 13 per cento addirittura intimidazioni a mano armata.

L’importanza dei dati emersi dallo studio spagnolo e dagli altri studi sull’argomento risiede anche nel fatto che nella maggior parte dei casi queste aggressioni sia fisiche che verbali non vengono formalmente rilevate, e spesso, specie quando non ci sono dirette conseguenze mediche, come lesioni, fratture eccetera, gli operatori non riportano l’accaduto, che viene forse un po' troppo semplicemente considerato un incidente che si è verificato per una sorta di imprevedibile caso sfortunato. Gli autori dello studio, guidati da Santiago Gascòn della Scuola di Medicina Occupazionale dell’Università di Saragozza, sottolineano invece quanto sarebbe importante una rilevazione precisa e attenta del fenomeno in tutte le sue forme, dalle meno gravi alle più gravi, anche al fine di effettuare comparazioni tra le varie realtà e di cercare di capire quali sono le situazioni da considerarsi maggiormente a rischio, per cercare di prevenirle. Ad esempio, sarebbe importante capire le caratteristiche personali e le condizioni di lavoro di quegli operatori che risultano aver subito aggressioni ripetute, per poterli maggiormente supportare cercando di ridurre il loro livello di rischio. Dallo studio di Gascòn e dei suoi collaboratori è infatti anche emerso che gli strascichi psicologici sugli operatori sono meno rilevanti quando si sentono supportati dall’organizzazione per la quale lavorano, mentre la deriva verso una condizione di burnout è invece molto frequente quando l’operatore si sente lasciato solo ad affrontare il problema, dovendo magari anche tornare a lavorare nel luogo dove ha subito l’aggressione, e con gli stessi pazienti.

 
 
 
# 1
Caro Danilo. sai quanto mi stia a cuore questo argomento e quanto abbia cercato di occuparmene quando lavoravo nel SSN. La violenza nelle istituzioni sanitarie, e non solo psichiatriche, va di pari passo con la perdita di autorevezza e quindi di rispetto per i medici e per gli operatori sanitari da un lato, e dall'altro col progressivo degrado della convivenza anche nella vita civile. Non credo sia possibile il recupero della dignità e del rispetto delle professioni mediche facendo richiamo a buoni sentimenti o alla funzione umanitaria della sanità. Solo la effettiva presenza di una forza di polizia all'interno delle istituzioni sanitarie, di cui si avverta la capacità e la volontà di intervenire è in grado di riportare rispetto ed ordine.
Non si può chiedere ai medici di svolgere questa funzione, anche se io personalmente ho cercato di risolvere situazioni difficili quando ero ancora in servizio, come tu ben sai.
Chi minaccerebbe, offenderebbe, sarebbe violento sotto l'occhio di un agente di polizia autorizzato a prendere i provvedimenti del caso?
La serenità è un requisito fondamentale per esercitare la professione.
di  Vittorio Melega  (inviato il 14/01/2010 alle 09:26:58)
# 2

Risposta per Vittorio Melega: colgo volentieri l'occasione per dire pubblicamente che, avendo lavorato per anni al tuo fianco nei servizi psichiatrici, anche in situazioni molto difficili, posso affermare con cognizione di causa che tu sei lo psichiatra bolognese che secondo me più di tutti ha costantemente avuto presente questo problema, affrontandolo sempre con competenza, massima disponibilità e anche coraggio personale.
di  Danilo di Diodoro, tutor Bolog Scire  (inviato il 14/01/2010 alle 11:23:20)
# 3
Sono infermiera da 20 anni ed ho lavorato negli anni tra il 1992 e il 2003 a Bologna, presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore.
Accolgo con piacere la segnalazione dell’articolo, e con piacere particolare gli obiettivi e le motivazioni espresse dai ricercatori spagnoli: “cercare di capire quali sono le situazioni da considerarsi maggiormente a rischio, per cercare di prevenirle”.
Purtroppo, essendo la mia un’esperienza non recente, non ho dati relativi all’ultimo anno da offrirvi e posso, tutt’al più, testimoniare quelle che sono state le mie esperienze in 11 anni: insulti abbastanza frequenti (a volte anche tanto fantasiosi da intenerire); minacce rare e occasionali; intimidazioni non ne ricordo, aggressioni fisiche, se ci fossero state, credo, le ricorderei. Frequenti, anche, le scuse, dopo un'esplosione di rabbia.
Derivata dalle esperienze, posso aggiungere anche la consapevolezza che le occasioni nelle quali ho percepito la tensione crescere, senza che poi ci fosse aggressione, sono state molto più numerose delle aggressioni.
Su questa base, credo ci possiamo attendere, dal proseguimento di studi su questa materia, risultati utili per noi tutti.
di  Gina Bondi, Infermiera, Ausl Bologna  (inviato il 05/02/2010 alle 11:33:56)
 
Anti-Spam: digita qui sotto le 6 cifre CAPTCHA

Testo (max 1600 caratteri)

Nome e Cognome, Struttura o Associazione di appartenenza

e-Mail oppure Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato
 
 
 
 
Danilo di Diodoro
Chi è Danilo di Diodoro Chi è Danilo di Diodoro
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(lettura online su Blogspot)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato epub)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato mobi)
Segui su Twitter Danilo di Diodoro
 
Titolo
Inserisci una parola chiave
 

 
Titolo
Podcast (25)
Post (176)

Raccolti per mese:


Ultimi commenti:

Per Clementoni Tretti: le evid...
12/10/2018 alle 16:00:14
di Roberto Iovine

Ancora sull’omeopatia??????Leg...
12/10/2018 alle 15:55:56
di Roberto Iovine

Mi piacerebbe capire se la cur...
12/10/2018 alle 10:22:49
di M.Clementoni Tretti Mov.x i diritti del malato BS

Sarebbe utile che i medici di ...
30/03/2018 alle 13:50:31
di Marisa Clementoni Tretti Mov. Diritti del malato

Perché non lo sappiamo che i 2...
22/11/2017 alle 11:48:38
di libero professionista

L'analisi mi sembra molto corr...
22/11/2017 alle 10:51:11
di Leo Orselli cardiologo territoriale AUSL Bologna

Purtroppo nulla di nuovo sotto...
22/11/2017 alle 10:32:31
di Rosario Carulli - Anestesia e Rianimazione


 
Titolo

È il sito di social bookmarking di Scire. Tienilo d'occhio, ci troverai link ad articoli importanti, man mano che sono pubblicati. Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015

   

Si legge: "doc to doc", da medico a medico. È un luogo di discussione e scambio di opinioni tra medici di tutto il mondo.


 
Titolo

È la raccolta dei principali collegamenti citati nei post. Compaiono qui sotto quelli più recenti; gli altri si visualizzano cliccando qui, o in fondo, su
Storico Storico


 
 
 
 
 
Per visualizzare i feed in Internet Explorer è necessario disporre di MSXML3 SP5 o vers. successiva.
 
 
Ci sono 21 persone collegate

 
 
Web Site Store Bologna
Web Design & Development
ICT Business Solutions