Blog Scire
Letteratura medica per la pratica clinica
Danilo di Diodoro – Informazione scientifica applicata – Azienda Usl di Bologna
 
Home Page : Articolo
Scire – Post 1: Mi creda, questo le farà bene…
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 14/05/2008 alle 18:48:30, in Post)

Mercoledì 14 maggio 2008

L’effetto placebo? Sappiamo tutti che è quello strano fenomeno per il quale molti pazienti migliorano anche in seguito a interventi non specificamente dotati di reale potere terapeutico, ma ora se ne sa qualcosa di più.
Una ricerca pubblicata sul BMJ, visibile cliccando sull’indirizzo sotto riportato (1), ha infatti appena dimostrato che l’effetto placebo è composto da vari elementi diversi tra loro, il più potente dei quali è una significativa relazione tra il terapeuta e il paziente. Poi c’è l’effetto placebo legato al farmaco o comunque allo specifico trattamento, e infine c’è l’effetto placebo causato dal semplice fatto che il paziente è osservato e valutato. Tutti questi elementi, ha osservato il gruppo di ricerca guidato da Ted Kaptchuk dell’Harvard Medical School di Boston, assieme agli altri autori dell’articolo, possono essere sapientemente e appositamente mescolati e graduati per ottenere il massimo dell’effetto placebo. La ricerca, condotta su 262 pazienti affetti da sindrome dell’intestino irritabile, ha messo a confronto tre diversi regimi di “trattamento”: un gruppo di pazienti è stato semplicemente osservato in attesa di ricevere un trattamento (la cosiddetta “waiting list”); un altro gruppo ha ricevuto un trattamento con agopuntura “sham”, ossia un’agopuntura finta, effettuata su punti che non corrispondono a quelli della vera agopuntura, e che quindi non dovrebbe funzionare; un terzo gruppo, infine, ha ricevuto sempre l’agopuntura sham, ma con l’aggiunta di un rapporto caldo e intenso con il terapeuta. Alla fine delle tre settimane di “trattamento” risultava migliorato il 3% dei pazienti del primo gruppo, il 20% di quelli del secondo gruppo, ben il 37% di quelli del terzo gruppo.

Che dire? Credo che questo studio sia interessante soprattutto perché consente di scomporre e individuare chiaramente le varie componenti di quel fenomeno spesso considerato un po’ misterioso che è l’effetto placebo. Una volta individuate, queste componenti possono essere poi volutamente graduate e coscientemente utilizzate nella pratica clinica, specie quando sono in ballo sintomi notoriamente sensibili al placebo, come il dolore. Personalmente, poi, credo che l’articolo ponga interrogativi su un altro aspetto, riguardante le Medicine non Convenzionali, alle quali appartiene l’agopuntura, utilizzata in questo studio nella forma sham. Come mai risulta tanto efficace l’agopuntura “finta”? Se funziona quella finta, non vuol per caso dire che potrebbe trattarsi solo di effetto placebo, rinforzato da quel particolare alone che c'è attorno alle Medicine non Convenzionali? La questione oggi è molto dibattuta. Una revisione sistematica della Cochrane Library (2) ha stabilito che in effetti l’agopuntura sembra mostrare limitate prove di efficacia, come trattamento aggiuntivo, per il sollievo del dolore e il miglioramento funzionale nei pazienti con mal di schiena cronico. Ma si tratta di un effetto specifico del trattamento, o di un generico effetto placebo? L’ultima parola su questo argomento ancora non è stata detta, la ricerca continua.

Per leggere la bibliografia citata nel Post cerca nello storico dei Link qui a fianco, alla data del Post, oppure clicca sui rispettivi link:

1) Ted J Kaptchuk, et al. Components of placebo effect: randomised controlled trial in patients with irritable bowel syndrome BMJ, doi: 10.1136/bmj.39524.439618.25 (published 3 April 2008).


2) Furlan AD, van Tulder MW, Cherkin DC, Tsukayama H, Lao L, Koes BW, Berman BM. Acupuncture and dry-needling for low back pain. Cochrane Database of Systematic Reviews 2005, Issue 1. Art. No.: CD001351. DOI: 10.1002/14651858.CD001351.pub2.

 
 
 
# 1
Molto interessante: è chiaro che per i Clinici il messaggio può essere di accompagnare qualunque terapia riconosciuta efficace anche con la "umanizzazione" del rapporto; e allora le Organizzazioni dovrebbero prevedere tempo e risorse adeguate per questo ulteriore aspetto.
Quanto poi alle Medicine alternative, la cronaca di questi giorni è piena di spunti e spero che induca chi "deve" decidere a riconsiderare globalmente la situazione.
di  Claudio Degli Esposti  (inviato il 16/05/2008 alle 08:24:29)
# 2
Tema troppo complesso per essere commentato in poche righe; comunque credo che il "rapporto caldo e intenso e di fiducia" con il professionista nella gestione del paziente sia un aspetto rilevantissimo e da non trascurare, perché da solo può contribuire al miglioramento della sintomatologia in atto (vera o psicosomatica che sia). Mi viene però in mente la frase: "utenti molto soddisfatti per aver ricevuto servizi pessimi da operatori molto cortesi"!…
di  Susanna Alberici  (inviato il 16/05/2008 alle 17:06:34)
 
Anti-Spam: digita qui sotto le 6 cifre CAPTCHA

Testo (max 1600 caratteri)

Nome e Cognome, Struttura o Associazione di appartenenza

e-Mail oppure Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato
 
 
 
 
Danilo di Diodoro
Chi è Danilo di Diodoro Chi è Danilo di Diodoro
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(lettura online su Blogspot)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato epub)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato mobi)
Segui su Twitter Danilo di Diodoro
 
Titolo
Inserisci una parola chiave
 

 
Titolo
Podcast (25)
Post (176)

Raccolti per mese:


Ultimi commenti:

Ciao a tutti, voglio solo dare...
16/08/2019 alle 22:25:00
di melisa eva

Attenzione:Stai cercando una R...
21/06/2019 alle 00:19:09
di MRS KATHY HALL

Per Clementoni Tretti: le evid...
12/10/2018 alle 16:00:14
di Roberto Iovine

Ancora sull’omeopatia??????Leg...
12/10/2018 alle 15:55:56
di Roberto Iovine

Mi piacerebbe capire se la cur...
12/10/2018 alle 10:22:49
di M.Clementoni Tretti Mov.x i diritti del malato BS

Sarebbe utile che i medici di ...
30/03/2018 alle 13:50:31
di Marisa Clementoni Tretti Mov. Diritti del malato

Perché non lo sappiamo che i 2...
22/11/2017 alle 11:48:38
di libero professionista


 
Titolo

È il sito di social bookmarking di Scire. Tienilo d'occhio, ci troverai link ad articoli importanti, man mano che sono pubblicati. Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015

   

Si legge: "doc to doc", da medico a medico. È un luogo di discussione e scambio di opinioni tra medici di tutto il mondo.


 
Titolo

È la raccolta dei principali collegamenti citati nei post. Compaiono qui sotto quelli più recenti; gli altri si visualizzano cliccando qui, o in fondo, su
Storico Storico


 
 
 
 
 
Per visualizzare i feed in Internet Explorer è necessario disporre di MSXML3 SP5 o vers. successiva.
 
 
Ci sono 135 persone collegate

 
 
Web Site Store Bologna
Web Design & Development
ICT Business Solutions