Blog Scire
Letteratura medica per la pratica clinica
Danilo di Diodoro – Informazione scientifica applicata – Azienda Usl di Bologna
 
Home Page : Articolo
Scire - Post 21: Miti e credenze della Medicina
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 30/12/2008 alle 12:32:42, in Post)

Martedì 30 dicembre 2008

Sono tanti i miti e le credenze che si annidano nella pratica medica senza che ci sia nemmeno una prova a sostenerli. Ad esempio, da molti anni si dà per scontato che durante i periodi di festa chi è depresso corra un maggior rischio di suicidio, anche se pare che nessuno l’abbia mai davvero provato. E’ solo uno dei miti della Medicina che vengono sfatati da una ricerca (1) pubblicata da due ricercatori americani, Rachel Vreeman e Aaron Carrol sull’ultimo numero dell’anno del BMJ (British Medical Journal), il famoso numero di Natale, che ogni anno coglie l’occasione delle feste per pubblicare articoli inusuali o addirittura stravaganti, sebbene rigorosi dal punto di vista scientifico. Insomma, il BMJ, che è serio tutto l’anno, a Natale ama lasciarsi andare e leggere questo numero speciale può essere divertente e istruttivo.

Altro mito sfatato: ci sono ben 12 trial randomizzati e controllati (RCT) che dimostrano come non sia vero che l’assunzione di zuccheri generi stati di iperattività nei ragazzi, neppure in quelli che soffrono di un disturbo dell’attenzione con iperattività. Ma dato che le convinzioni sono dure a morire, anche di fronte alle prove contrarie, la ricerca ha evidenziato come i genitori dei ragazzi, quando sono convinti che questi ultimi abbiano assunto una bevanda zuccherata (che in realtà era sugar-free), tendono a valutarli molto più iperattivi. Ecco come si formano le false credenze in medicina, dando valore a osservazioni che sono sostenute da pregiudizi. In pratica, siamo agli antipodi dell’Evidence Based Medicine (EBM).

L’articolo di Vreeman e Carrol segnala anche come erronea la convinzione che fino al 40-50 per cento del calore corporeo si perda attraverso la testa, per cui quando la temperatura scende è indispensabile ricorrere al cappello. Deve forse essere una convinzione solo inglese, o almeno io non ne avevo mai sentito parlare prima. In ogni caso non è vero che il cappello protegge particolarmente dal freddo. Dalla testa si perde esattamente la stessa quantità di calore che si perde da qualunque altra superficie corporea delle stesse dimensioni. Il mito sembra essere nato dall’ambito militare, da studi realizzati su personale delle basi artiche, esposto a temperature estremamente basse con uniformi che non prevedevano il cappello. Bizzarrie militari.

E non è vero che mangiare durante la notte faccia ingrassare più che mangiare di giorno. Revisionando vari studi, i due ricercatori americani sono giunti alla conclusione che non c’è alcun collegamento tra la tendenza all’obesità e i pasti notturni. Sempre che, naturalmente, un individuo non si alimenti in quantità sufficiente di giorno e, in più, mangi la notte. Ma questo è ovvio. Quindi mangiare durante la notte non è di per sé un fattore che contribuisce all’obesità. Il mito probabilmente si è formato in seguito a osservazioni sporadiche di persone che hanno un comportamento alimentare scorretto durante il giorno, magari perché seguono una qualche dieta sbilanciata per dimagrire, e così durante la notte vengono sopraffatti dalla fame e mangiano più di quanto dovrebbero.

Infine, e questo può essere davvero utile da tenere presente in un periodo di feste, quando più facilmente si beve alcool, due parole sui rimedi contro l’hangover, quel senso di malessere con il quale ci si sveglia la mattina dopo che si è bevuto qualche bicchiere di troppo. Ebbene, esistono revisioni sistematiche che indicano chiaramente come per vincere l’hangover non serva assolutamente a niente ricorrere a rimedi casalinghi come mangiare carciofi o addirittura assumere farmaci, come il propanololo. L’hangover può solo essere prevenuto, per cui non ci resta che chiudere l’anno brindando con moderazione…

Per leggere la bibliografia citata nel Post clicca sui link:

1) R. Vreeman, A. Carroll, Festive medical myths, BMJ 2008;337:a2769 http://www.bmj.com/cgi/section_pdf/337/dec17_2/a2769.pdf

 
 
 
# 1
Auguri a tutti di un 2009 di salute (Evidence Based si intende)
di  Claudio Degli Esposti  (inviato il 30/12/2008 alle 14:31:41)
 
Anti-Spam: digita qui sotto le 6 cifre CAPTCHA

Testo (max 1600 caratteri)

Nome e Cognome, Struttura o Associazione di appartenenza

e-Mail oppure Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato
 
 
 
 
Danilo di Diodoro
Chi è Danilo di Diodoro Chi è Danilo di Diodoro
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(lettura online su Blogspot)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato epub)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato mobi)
Segui su Twitter Danilo di Diodoro
 
Titolo
Inserisci una parola chiave
 

 
Titolo
Podcast (25)
Post (176)

Raccolti per mese:


Ultimi commenti:

Ciao a tutti, voglio solo dare...
16/08/2019 alle 22:25:00
di melisa eva

Attenzione:Stai cercando una R...
21/06/2019 alle 00:19:09
di MRS KATHY HALL

Per Clementoni Tretti: le evid...
12/10/2018 alle 16:00:14
di Roberto Iovine

Ancora sull’omeopatia??????Leg...
12/10/2018 alle 15:55:56
di Roberto Iovine

Mi piacerebbe capire se la cur...
12/10/2018 alle 10:22:49
di M.Clementoni Tretti Mov.x i diritti del malato BS

Sarebbe utile che i medici di ...
30/03/2018 alle 13:50:31
di Marisa Clementoni Tretti Mov. Diritti del malato

Perché non lo sappiamo che i 2...
22/11/2017 alle 11:48:38
di libero professionista


 
Titolo

È il sito di social bookmarking di Scire. Tienilo d'occhio, ci troverai link ad articoli importanti, man mano che sono pubblicati. Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015

   

Si legge: "doc to doc", da medico a medico. È un luogo di discussione e scambio di opinioni tra medici di tutto il mondo.


 
Titolo

È la raccolta dei principali collegamenti citati nei post. Compaiono qui sotto quelli più recenti; gli altri si visualizzano cliccando qui, o in fondo, su
Storico Storico


 
 
 
 
 
Per visualizzare i feed in Internet Explorer è necessario disporre di MSXML3 SP5 o vers. successiva.
 
 
Ci sono 109 persone collegate

 
 
Web Site Store Bologna
Web Design & Development
ICT Business Solutions