Blog Scire
Letteratura medica per la pratica clinica
Danilo di Diodoro – Informazione scientifica applicata – Azienda Usl di Bologna
 
Home Page : Articolo
Scire – Post 96: Fantasmi industriali
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 11/08/2011 alle 18:45:57, in Post)

Venerdì 12 agosto

Come accade in certi romanzi gotici, a un certo punto il fantasma si mette a parlare, si rivela. Così fa Linda Logdberg, biologa del Fernbank Science Center di Atlanta, in Georgia, in un articolo pubblicato su PLoS Medicine, nel quale racconta gli oltre dieci anni della sua attività di ghostwriter per l’industria farmaceutica. Il ghostwriter, letteralmente “scrittore fantasma” è quel professionista della scrittura, quasi sempre dotato anche di una formazione scientifica, che scrive materiali pubblicitari, newsletter, programmi di formazione, monografie e diapositive per medici e infermieri, per conto dell’industria. E spesso è anche la mano nascosta dietro ad articoli “scientifici” che poi vengono firmati da nomi conosciuti delle varie specialità mediche, i quali, in realtà, alla stesura di quell’articolo non hanno mai partecipato. Da qui la definizione di “scrittore fantasma”.

La Logdberg, licenziata alcuni anni fa, dopo che aveva concesso un’intervista al New York Times, e minacciata di ritorsioni legali per aver rotto il vincolo della riservatezza, racconta come, man mano che la sua carriera avanzava verso industrie più grandi, i suoi contatti nelle aziende fossero sempre più persone prive di ogni preparazione scientifica. Erano gli uomini del marketing a tenere i contatti con chi doveva scrivere gli articoli. Così riceveva istruzioni a segnalare gli effetti indesiderati dei farmaci come “effetti avversi” per i farmaci della concorrenza (un infarto causato dal farmaco X di un’altra azienda); come “eventi avversi” per i farmaci dell’azienda per cui stava lavorando (un infarto presentatosi mentre il paziente assumeva il farmaco Y). Importanti differenze subliminali.

Ma per quale motivo una persona che ha una formazione scientifica dovrebbe prestarsi a un gioco così poco etico come la manipolazione delle informazioni che arrivano a medici e infermieri? Anche su questo punto la Logdberg è trasparente, e spiega che le motivazioni sono le più banali e personali. Lei aveva tentato invano di lavorare nella ricerca, ma non aveva trovato lo spazio desiderato, così, avendo due bambini a casa da seguire, a un certo punto si convince che forse scrivere di scienza per l’industria può offrire i vantaggi del lavoro a domicilio con orario elastico, oltre che rappresentare un modo per svolgere un ruolo sociale positivo. Senza contare che lo stipendio era buono, “veramente buono” dice la Logdberg.

Presto, però, si accorge che la realtà è molto diversa. Vede uscire suoi articoli scientifici su riviste internazionali esattamente come li aveva scritti lei, senza che il firmatario avesse cambiato una virgola (chissà se lo aveva almeno letto), e questo la sconcerta e la fa riflettere sulla credibilità della letteratura scientifica internazionale. Poi un giorno le chiedono di scrivere un articolo su un farmaco che dovrebbe trattare l’ipotiroidismo subclinico, ossia “il niente subclinico” dice la Logdberg, e così alcune remore etiche cominciano ad affacciarsi alla sua mente. Ma la rottura avviene quando sta revisionando un articolo su un farmaco per il trattamento del Disturbo da deficit di attenzione nei bambini, e si rende conto che l’azione di quel farmaco proprio non corrisponde a ciò che le famiglie si aspetterebbero da una cura per questo disturbo. Lei lo sa bene, i suoi due bambini ne soffrono entrambi. Chiede allora insistentemente di parlare con “l’autore” dell’articolo, per provare a chiarire i suoi dubbi, ma l’uomo del marketing aziendale le nega questa possibilità. “Limitati a scrivere” è la secca risposta che riceve.

Linda Logdberg ha recentemente raccontato la sua esperienza anche a un convegno sull’etica della letteratura scientifica, nella speranza di poter dare ora un contributo al superamento dell’inestricabile mescolanza tra scienza e pubblicità occulta che da molti anni ormai rende sospetta la letteratura medica e che costringe chi la vuole consultare a difficili e faticose azioni di filtro. La sua proposta è che la pubblicità sui farmaci si faccia alla luce del sole e che per quanto riguarda la vera informazione scientifica, gli autori degli articoli se li scrivano da soli, lasciando all’industria il solo compito di controllare dati minimali, come dosaggi, effetti collaterali, sviluppo post-marketing. No so se possa bastare.

Non credo. Quello che servirebbe è un profondo cambio di mentalità. Bisognerebbe che i clinici uscissero dallo stato di soggezione che hanno nei confronti dell’industria farmaceutica, che non accettassero passivamente i protocolli di ricerca che questa produce, che si rendessero conto delle proprie condizioni di conflitto di interesse quando ricevono benefit di vario genere, e si potrebbe continuare in un lungo elenco. Non vorrei sembrare categorico, ma non credo che all’orizzonte si prospetti nulla del genere, visto che anche in sanità e Medicina, come nel resto della società, la logica del massimo profitto sembra imperare indisturbata.

 
 
 
# 1
Sto leggendo un libro di Martha Nussbaum (Non per profitto, Il Mulino 2010) in cui sostiene la tesi che produrre crescita economica non significa produrre democrazia perché alla fine, quando parliamo di influenza dell'industria farmaceutica, è di democrazia e di tirannia che stiamo parlando. Per produrre democrazia dobbiamo promuovere e sostenere non solo la cultura scientifica, che ci permette di ricercare e di avvalerci di corretti principi matematici ed evidence based, ma dobbiamo promuovere quella cultura umanistica che sostiene l'etica professionale, la conoscenza dei valori del rispetto reciproco e di ricerca della verità sia essa scientifica o filosofica. Purtroppo i governi di tutto il mondo sostengono invece sempre di più l'istruzione scientifica e limitano le ore di letteratura o filosofia, come se la cultura umanistica fosse un qualcosa di cui si può fare a meno perché è improduttiva dal punto di vista economico. Un buon professionista, soprattutto in sanità, deve possedere un patrimonio valoriale che solo la lettura dei classici può stimolare.
di  Cristina Malvi Distretto di Bologna  (inviato il 12/08/2011 alle 15:01:57)
# 2
Ho appena letto lo stesso libro... mi fa piacere riscontrare questa risonanza. Concordo pienamente!
di  Federico Barbani, USL di Modena  (inviato il 12/08/2011 alle 17:36:27)
# 3
Concordo anch'io pienamente, e mi riprometto di cercare subito il libro della Nussbaum.
di  Loredana Nazziconi, Mmg  (inviato il 17/08/2011 alle 14:56:23)
 
Anti-Spam: digita qui sotto le 6 cifre CAPTCHA

Testo (max 1600 caratteri)

Nome e Cognome, Struttura o Associazione di appartenenza

e-Mail oppure Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato
 
 
 
 
Danilo di Diodoro
Chi è Danilo di Diodoro Chi è Danilo di Diodoro
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(lettura online su Blogspot)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato epub)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato mobi)
Segui su Twitter Danilo di Diodoro
 
Titolo
Inserisci una parola chiave
 

 
Titolo
Podcast (25)
Post (176)

Raccolti per mese:


Ultimi commenti:

Ciao a tutti, voglio solo dare...
16/08/2019 alle 22:25:00
di melisa eva

Attenzione:Stai cercando una R...
21/06/2019 alle 00:19:09
di MRS KATHY HALL

Per Clementoni Tretti: le evid...
12/10/2018 alle 16:00:14
di Roberto Iovine

Ancora sull’omeopatia??????Leg...
12/10/2018 alle 15:55:56
di Roberto Iovine

Mi piacerebbe capire se la cur...
12/10/2018 alle 10:22:49
di M.Clementoni Tretti Mov.x i diritti del malato BS

Sarebbe utile che i medici di ...
30/03/2018 alle 13:50:31
di Marisa Clementoni Tretti Mov. Diritti del malato

Perché non lo sappiamo che i 2...
22/11/2017 alle 11:48:38
di libero professionista


 
Titolo

È il sito di social bookmarking di Scire. Tienilo d'occhio, ci troverai link ad articoli importanti, man mano che sono pubblicati. Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015

   

Si legge: "doc to doc", da medico a medico. È un luogo di discussione e scambio di opinioni tra medici di tutto il mondo.


 
Titolo

È la raccolta dei principali collegamenti citati nei post. Compaiono qui sotto quelli più recenti; gli altri si visualizzano cliccando qui, o in fondo, su
Storico Storico


 
 
 
 
 
Per visualizzare i feed in Internet Explorer è necessario disporre di MSXML3 SP5 o vers. successiva.
 
 
Ci sono 30 persone collegate

 
 
Web Site Store Bologna
Web Design & Development
ICT Business Solutions