Blog Scire
Letteratura medica per la pratica clinica
Danilo di Diodoro – Informazione scientifica applicata – Azienda Usl di Bologna
 
Home Page : Articolo
Scire – Post 95: Glu glu glu glu glu, aahhhhh!
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 14/07/2011 alle 08:59:50, in Post)

Giovedì 14 luglio 2011

Con il caldo di questi giorni, tutti ci ricordano che bisogna bere molta acqua. Perfino il BMJ pubblica la pubblicità di una organizzazione chiamata Hydration for Health  che sottolinea l’importanza di bere acqua per la nostra salute. Ma qualcosa non torna, tanto che Fiona Godlee, editor del BMJ, deve correre ai ripari con un editoriale nel quale dichiara che quella pubblicità è scappata tra le maglie della rete della propria redazione. Redazione che, secondo linee guida interne alla rivista, dovrebbe controllare la veridicità e l’affidabilità, non solo degli articoli scientifici, ma anche delle pubblicità che vengono pubblicate. Infatti in quella pubblicità che invita a bere più acqua, Hydration for Health fa affermazioni che non hanno sufficienti prove provenienti dalla ricerca. E poi, guarda caso, è sponsorizzata dalla Danone, che produce bottiglie di acqua minerale sotto diversi marchi.

Della questione si occupa Margaret Mc Cartney, medico di base di Glasgow e collaboratrice del BMJ, in un articolo nel quale mette a nudo la mancanza di prove del beneficio di bere acqua oltre il normale soddisfacimento della sete. Dunque bisogna o no bere almeno un litro e mezzo o due di acqua al giorno, come viene da più parti raccomandato, e come spesso gli stessi medici forse un po’ acriticamente consigliano? Ci sono o no prove provenienti dalla ricerca che indicano davvero l’utilità di questa abitudine?

No, non ci sono, secondo l’analisi effettuata da Margaret Mc Cartney e pubblicata sul BMJ. Non ci sono prove sufficienti che questa abitudine sia benefica per la salute, anche se certamente è benefica per i produttori di acque minerali, considerata anche la scarsa affezione che le persone (e soprattutto gli italiani) mostrano per la generosa, abbondante e sicura acqua del rubinetto. A sostegno della sua posizione, la dottoressa Mc Cartney cita due studi, uno pubblicato nel 2002 sull’ American Journal of Physiology, l’altro pubblicato nel 2008 sul Journal of the american society of nephrology, i quali giungono entrambi alla conclusione che non vi è alcuna prova dell’esistenza di un beneficio per la salute legato all’assunzione di aumentata quantità di acqua. Poi però fa anche un’analisi delle prove a favore di questa abitudine, analizzando gli studi citati da Hydration for Health. Si tratta di due articoli rispettivamente pubblicati su Clinical nutrition e sul Journal of gerontological nursing, che vengono smontati, dal momento che si tratta in un caso di un articolo di discussione e non di ricerca (che tra l’altro come fonte cita, invece di ricerche primarie, una linea guida del governo italiano), nell’altro di uno studio retrospettivo che non fa distinzioni fra cause primarie di disidratazione e cause iatrogene (ad esempio l’uso di diuretici). Anche il legame tra mancata idratazione e insorgenza di stroke o di calcoli è messa in dubbio, dal momento che non ha alle spalle prove di buona qualità.

La dottoressa Mc Cartney va avanti nel suo articolo smontando un po’ alla volta tutti i miti sui supposti benefici di un aumentato consumo di acqua, sia per i bambini, sia per gli adulti o gli anziani. Ricorda pure, come peraltro fa anche Fiona Godlee nel suo editoriale, che molte bottiglie d’acqua vogliono dire molto inquinamento da plastica, considerato il basso livello di riciclo raggiunto da questo materiale. L’unico vantaggio del bere acqua sul quale sembrano essere tutti d’accordo si ha quando la si preferisce alle bevande zuccherate. Questa sì sarebbe una scelta civile verso la quale indirizzare le popolazioni. Nei paesi sviluppati, ma anche e soprattutto nei paesi in via di sviluppo, che sono ormai diventati un enorme e appetibile mercato per le multinazionali. Come può constatare chiunque in questi anni sia stato in Africa, o in centro o sud America, lì una bottiglietta d’acqua costa più di una bottiglietta di bevande zuccherate, che favoriscono obesità e malattie metaboliche. E lì, spesso, proprio non possono scegliere, perché in molti casi non hanno neppure l’acqua del rubinetto.

 
 
 
# 1
Accipicchia! Ai miei "vecchietti" dico sempre di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno....ma la Danone non mi ha mai "invitato" ad un congresso !! ; - )
di  Claudio Paganelli  (inviato il 14/07/2011 alle 12:41:13)
# 2
Ci sono (o non ci sono) le evidenze, poi c'è il buon senso e l'esperienza pratica. Negli anziani il senso della sete è ridotto. Il risultato di ciò è che è frequente il ricovero di pazienti anziani con sindromi da disidratazione (come neurologo vedo le encefalopatie). Anche senza evidenze sperimentali mi pare che il rapporto benefici/rischi di raccomandare ai pazienti anziani di bere un po' di più della propria sete sia favorevole. Se non altro si riduce il rischio di infezioni urinarie (qui le evidenze ci sono).
di  Roberto D'Alessandro  (inviato il 14/07/2011 alle 13:42:52)
# 3
Ricordo altri presunti benefici ascrivibili alle abbondanti libagioni (di acqua, s'intende): combattere la stipsi, rendere più fluide e quindi più facilmente eliminabili le secrezioni, contrastare l'ipovolemia e l'"ispessimento" del sangue. Qualcuno, in breve, mi sa dare o segnalare dati di evidenza?
di  Laura Amadori, UOC Med. Riabilitativa Ausl Bo  (inviato il 30/07/2011 alle 11:47:32)
# 4
Ci sono evidenze sull'assunzione di acqua per ridurre i disturbi della ipotensione posturale (in generale, ed in particolare nella atrofia multisistemica); ma anche sulla efficacia dell'acqua che, assunta prima dei pasti, facilitereebbe il calo ponderale in soggetti a dieta ipocalorica.
C'è anche una revisione Cochrane sull'uso dell'acqua di rubinetto (potabile, ovviamente) per lavare le ferite, e pare che sia addirittura meglio della fisiologica sterile.
di  Roberto Iovine, UOC Med. Riabilitativa Ausl Bo  (inviato il 12/08/2011 alle 10:42:36)
# 5
In Corsica, in piena estate, 40/50 gradi, bottiglietta d'acqua 25 cc (un bicchiere) Euro 2,30. Certo che bere 2 litri di acqua al giorno fa bene, ma a chi esattamente?
di  Silvia Rosina  (inviato il 13/09/2011 alle 02:10:20)
 
Anti-Spam: digita qui sotto le 6 cifre CAPTCHA

Testo (max 1600 caratteri)

Nome e Cognome, Struttura o Associazione di appartenenza

e-Mail oppure Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato
 
 
 
 
Danilo di Diodoro
Chi è Danilo di Diodoro Chi è Danilo di Diodoro
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(lettura online su Blogspot)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato epub)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato mobi)
Segui su Twitter Danilo di Diodoro
 
Titolo
Inserisci una parola chiave
 

 
Titolo
Podcast (25)
Post (176)

Raccolti per mese:


Ultimi commenti:

Per Clementoni Tretti: le evid...
12/10/2018 alle 16:00:14
di Roberto Iovine

Ancora sull’omeopatia??????Leg...
12/10/2018 alle 15:55:56
di Roberto Iovine

Mi piacerebbe capire se la cur...
12/10/2018 alle 10:22:49
di M.Clementoni Tretti Mov.x i diritti del malato BS

Sarebbe utile che i medici di ...
30/03/2018 alle 13:50:31
di Marisa Clementoni Tretti Mov. Diritti del malato

Perché non lo sappiamo che i 2...
22/11/2017 alle 11:48:38
di libero professionista

L'analisi mi sembra molto corr...
22/11/2017 alle 10:51:11
di Leo Orselli cardiologo territoriale AUSL Bologna

Purtroppo nulla di nuovo sotto...
22/11/2017 alle 10:32:31
di Rosario Carulli - Anestesia e Rianimazione


 
Titolo

È il sito di social bookmarking di Scire. Tienilo d'occhio, ci troverai link ad articoli importanti, man mano che sono pubblicati. Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015

   

Si legge: "doc to doc", da medico a medico. È un luogo di discussione e scambio di opinioni tra medici di tutto il mondo.


 
Titolo

È la raccolta dei principali collegamenti citati nei post. Compaiono qui sotto quelli più recenti; gli altri si visualizzano cliccando qui, o in fondo, su
Storico Storico


 
 
 
 
 
Per visualizzare i feed in Internet Explorer è necessario disporre di MSXML3 SP5 o vers. successiva.
 
 
Ci sono 84 persone collegate

 
 
Web Site Store Bologna
Web Design & Development
ICT Business Solutions