Blog Scire
Letteratura medica per la pratica clinica
Danilo di Diodoro – Informazione scientifica applicata – Azienda Usl di Bologna
 
Home Page : Articolo
Scire – Post 89: PDTA: il prodotto finito dell’assistenza sanitaria
di Danilo di Diodoro (pubblicato il 06/04/2011 alle 17:42:47, in Post)

Mercoledì 6 aprile 2011

Sviluppare e applicare nella pratica clinica reale un percorso diagnostico terapeutico assistenziale (PDTA) è un’esperienza molto istruttiva. E’ quello che sto facendo assieme a un nutrito gruppo di altri colleghi, dedicando parte del mio tempo professionale alla stesura e all’applicazione del percorso del carcinoma del colon retto: dallo screening di popolazione, via via alla colonscopia, alla possibile diagnosi di una neoplasia, con tutte le sue implicazioni mediche e psicologiche, alla realizzazione del sistema di prenotazione degli esami di stadiazione e preoperatori, fino all’intervento chirurgico, alle eventuali radioterapia e chemioterapia, giù giù fino all’organizzazione del follow-up. Tenendo sempre conto della necessità di offrire al cittadino adeguata assistenza psicologica e trattamento del dolore, se necessari. E tenendo conto della necessità di far viaggiare le persone lungo il percorso accompagnate da una adeguata documentazione sanitaria che le segua, facendo quindi viaggiare anche le dovute informazioni cliniche.

Come è facile capire, si tratta di un compito complesso, che deve mettere insieme il lavoro di professionisti medici e non medici appartenenti ad almeno cinque diversi Dipartimenti. Però è una bella esperienza professionale, se il compito viene svolto con la consapevolezza e il (grave) senso di responsabilità derivanti dal fatto che il buon funzionamento del percorso sarà il miglior conforto possibile per chi avrà avuto la sfortuna di incappare in questo tumore. Il suo malfunzionamento sarà invece un ulteriore peso sulle sue spalle che si sarebbe potuto evitare. La responsabilità è dunque veramente grande. E infatti, mi è chiaro che il PDTA è il vero prodotto finito che le istituzioni sanitarie offrono sulla piazza, l’oggetto che poi viene consumato dai cittadini e sul quale i cittadini ci giudicano, e dal buon funzionamento del quale spesso dipende il vero esito clinico. A che serve farsi operare da un grande chirurgo se questo avviene oltre i limiti temporali di sicurezza? O se poi non si ha accesso alla radioterapia? O se non c’è un professionista che ti seguirà per il follow-up? O se sarai tu stesso a doverti barcamenare tra specialisti e prenotazioni, senza percorsi ottimali prestabiliti?

Normalmente i PDTA sono definiti come una applicazione locale di Linee Guida fatta tenendo conto del contesto al quale sono applicate, contesto che spesso presenta una serie di ostacoli che il PDTA stesso deve cercare di superare. Ma quando il percorso è così complesso, in realtà ci si trova quasi a ogni passaggio a tentare di trasferire nella pratica raccomandazioni basate su prove di efficacia di diverso livello, e a farlo sapendo che il loro trasferimento in pratica non è mai facile o scontato. Infatti, modificare pratiche cliniche è, come si sa, uno dei maggiori problemi di quella disciplina chiamata Governo Clinico.

Ma un PDTA realizzato sul campo non ha come obiettivo solo quello di modificare pratiche cliniche facendole aderire il più possibile alle migliori evidenze scientifiche. Ha anche l’altrettanto difficile compito di far “scivolare” l’organizzazione dei servizi in maniera che questi siano il più possibile aderenti alle esigenze dei cittadini e dei pazienti. Altro compito non facile. Le istituzioni sanitarie, lasciate a se stesse, sembrano organizzarsi spontaneamente secondo principi di funzionamento istituzionale, che possono anche tenere in pochissimo conto le esigenze di coloro i quali di quelle istituzioni devono usufruire. In altre parole, l’organizzazione, per sua natura, tende a guardare principalmente se stessa, non chi deve utilizzarla. Se si vuole far aderire il funzionamento delle istituzioni sanitarie alle esigenze di cittadini e pazienti bisogna forzarne i meccanismi, proporre nuovi punti di vista e interventi di miglioramento, e perfino imporre cambiamenti, ammesso che questo sia possibile. E poi sarà anche necessario vigilare, piazzando qui e là indicatori per la rilevazione continuativa del buon funzionamento reale degli snodi organizzativi cruciali.

Intanto, tra le prime azioni che ho programmato c’è anche quella di intervistare i pazienti che oggi già si trovano alla fine del percorso, per rilevare dalla loro viva voce quali sono state le maggiori difficoltà che hanno incontrato e avere suggerimenti su come fare per superarle. Spero di trarne indicazioni utili, ma già so che sarà dura far prevalere il punto di vista dei pazienti su quello dell'istituzione.

 
 
 
# 1
Complimenti, questo è davvero affrontare la complessità di "mettere al centro" il cittadino-paziente. Certamente "sarà dura far prevalere il punto di vista dei pazienti su quello dell'istituzione" ma lo sforzo dell'ascolto e il tentativo di coinvolgimento è già un primo (grande) passo verso una salute partecipata e "umanizzata". Grazie e buon lavoro.
di  Domenico Tosello, Consulente marketing sanitario  (inviato il 07/04/2011 alle 11:40:03)
# 2
Nel lontano 1997 ho partecipato presso l'Università Bocconi di Milano al corso "Ippocrate", che aveva come finalità l'approfondimento del Sistema DRG, applicato al SSN dal 1995. Tra i vari temi c'era il PDT (Percorso Diagnostico Terapeutico). Bellissimo concetto, che ho cercato poi di far applicare presso il mio Ospedale, ma che ha trovato notevoli difficoltà proprio presso gli stessi colleghi, che facevano fatica a mettere per iscritto quello che facevano per le patologie di loro competenza. Si trattava di seguire appunto, come si dice in questo articolo, le Linee Guida Internazionali e/o Nazionali per i trattamenti dei pazienti ricoverati. A volte per alcuni sembrava che, come per il gioco del poker, scoprissero le loro carte e quindi non avrebbero potuto più bleffare (vedi anche liste di attesa create ad arte).
Sono cattivo verso la mia categoria, lo so, ma è bene, almeno per me, non nascondersi dietro un dito. Ben venga quindi questo PDTA, e che sia chiaro ed esplicito per tutti... poi, ai posteri l'ardua sentenza.
di  Rosario Carulli  (inviato il 07/04/2011 alle 13:22:31)
 
Anti-Spam: digita qui sotto le 6 cifre CAPTCHA

Testo (max 1600 caratteri)

Nome e Cognome, Struttura o Associazione di appartenenza

e-Mail oppure Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato
 
 
 
 
Danilo di Diodoro
Chi è Danilo di Diodoro Chi è Danilo di Diodoro
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(lettura online su Blogspot)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato epub)
Medicina delle Meraviglie Medicina delle Meraviglie
(scarica il formato mobi)
Segui su Twitter Danilo di Diodoro
 
Titolo
Inserisci una parola chiave
 

 
Titolo
Podcast (25)
Post (176)

Raccolti per mese:


Ultimi commenti:

Buy Cialis
08/10/2019 alle 20:13:07
di Shillings

Per Clementoni Tretti: le evid...
12/10/2018 alle 16:00:14
di Roberto Iovine

Ancora sull’omeopatia??????Leg...
12/10/2018 alle 15:55:56
di Roberto Iovine

Mi piacerebbe capire se la cur...
12/10/2018 alle 10:22:49
di M.Clementoni Tretti Mov.x i diritti del malato BS

Sarebbe utile che i medici di ...
30/03/2018 alle 13:50:31
di Marisa Clementoni Tretti Mov. Diritti del malato

Perché non lo sappiamo che i 2...
22/11/2017 alle 11:48:38
di libero professionista

L'analisi mi sembra molto corr...
22/11/2017 alle 10:51:11
di Leo Orselli cardiologo territoriale AUSL Bologna


 
Titolo

È il sito di social bookmarking di Scire. Tienilo d'occhio, ci troverai link ad articoli importanti, man mano che sono pubblicati. Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2015

   

Si legge: "doc to doc", da medico a medico. È un luogo di discussione e scambio di opinioni tra medici di tutto il mondo.


 
Titolo

È la raccolta dei principali collegamenti citati nei post. Compaiono qui sotto quelli più recenti; gli altri si visualizzano cliccando qui, o in fondo, su
Storico Storico


 
 
 
 
 
Per visualizzare i feed in Internet Explorer è necessario disporre di MSXML3 SP5 o vers. successiva.
 
 
Ci sono 68 persone collegate

 
 
Web Site Store Bologna
Web Design & Development
ICT Business Solutions